L’alcol, necessari Buono, effetti male male o positivi di alcol.

L'alcol, necessari Buono, effetti male male o positivi di alcol.

Stanton ha scritto un capitolo analizza diversi punti di vista su alcol, sia come buono o cattivo, e come queste pratiche di consumo di vista di impatto. In le autorità e gli educatori di salute pubblica degli Stati Uniti in onda continuamente informazioni negative su alcol, mentre i giovani e gli altri continuano a bere eccessivamente e pericolosamente. Un modello alternativo è quello di comprendere l’alcol bevanda in uno stile di vita positivo e salutare nel complesso, in cui l’alcol viene assegnato un ruolo limitato, ma costruttivo. culture bere positive tengono anche responsabili per il loro comportamento bere e sono intolleranti di bere dirompente.

In: S. Peele & M. Grant (Eds.) (1999), Alcol e piacere: una prospettiva di sanità. Philadelphia:. Brunner / Mazel, pp 1-7
© Copyright 1999 Stanton Peele. Tutti i diritti riservati.

Promuovere Alcol positivo:

Stanton Peele
Morristown, NJ

Storicamente e internazionale, visioni culturali di alcol ei suoi effetti variano in termini di come positive o negative che siano e le probabili conseguenze che essi attribuiscono al consumo di alcol. La visione contemporanea dominante di alcol negli Stati Uniti è che l’alcool (a) è prevalentemente negativo e ha conseguenze esclusivamente pericolose, (b) porta spesso a comportamenti incontrollabili, e (c) è qualcosa che i giovani dovrebbero essere avvertiti di evitare. Le conseguenze di questa visione è che quando i bambini non bevono (che gli adolescenti regolarmente fare), sanno di altra alternativa se non eccessive, modelli di consumo intensi, portandoli spesso di bere per intossicazione. Questo capitolo esplora modelli alternativi di bere e canali per loro che sottolineano sani contro i modelli di consumo malsani e la responsabilità dell’individuo di gestire il proprio bere trasporto. L’obiettivo finale è per le persone a vedere l’alcol come accompagnamento ad uno stile di vita complessivamente sano e piacevole, un’immagine che mettono in scena come moderati, modelli di consumo sensibili.

Tutti i modelli di effetti di alcol

Selden Bacon, uno dei fondatori e da lungo tempo direttore del Yale (allora Rutgers) Centro Studi alcol, ha osservato sullo strano approccio di salute pubblica di alcol assunto negli Stati Uniti e nel resto del mondo occidentale:

Quando Bacone scriveva queste parole, i benefici coronarici e di mortalità di alcol sono stati solo iniziando a stabilire, mentre i benefici psicologici e sociali del bere non erano stati valutati sistematicamente. Le sue osservazioni ironiche sembrano doppiamente rilevante oggi, ora che gli effetti di prolungamento della vita di alcol sono su una solida base (Doll, 1997; Klatsky, 1999) e la conferenza su cui questo volume si basa ha iniziato la discussione dei modi in cui l’alcol migliora la qualità della vita (vedi anche Baum-Baicker, 1985; Brodsky & Peele, 1999; Peele & Brodsky, 1998). In altre parole, se la scienza indica che l’alcool veicola significativi vantaggi di vita, perché atto politiche sull’alcol come se l’alcool fosse il male?

Tabella 26.1 Vista di alcol negli Stati Uniti.

L’alcol è buono

bere Misto o oscillante

Visioni di alcol

L’alcol è Bad

  • L’alcol è una sostanza che crea dipendenza il cui utilizzo porta inevitabilmente ad un aumento compulsivo, e l’uso, incontrollabile.
  • L’alcolismo è alla base più, anzi quasi tutti, i problemi sociali moderne (disoccupazione, moglie e figlio abusi, disturbi emotivi, la prostituzione, e così via).
  • L’alcol veicola benefici sociali distinguibili.

AA in realtà ha voluto coesistere con l’alcol nel periodo post-proibizionismo, 1 perché i segnali erano inevitabile che la nazione non avrebbe più sostenere divieto nazionale. Se solo alcuni individui sono colpiti con l’alcolismo, allora soltanto essi hanno da temere i mali che si annidano nella bevanda. Per questo gruppo limitato, tuttavia, i mali di alcol sono illimitate. Hanno progressivamente portano al titolo (l’ubriacone o inebriate in termini temperanza) ad un crollo totale dei valori normali e la struttura della vita e le depredazioni ultimi della morte, il manicomio o prigione.

L’alcol è buona

Il punto di vista di alcol come benefica è antica, antica almeno quanto l’idea che l’alcol produce danni. L’Antico Testamento descrive eccesso alcolico, ma valorizza anche l’alcol. Sia l’ebraico e religioni cristiane comprendono vino nella loro preghiera sacramenti-Ebraico conferisce una benedizione sul vino. Ancor prima, i greci considerati vino un vantaggio e adoravano un dio del vino, Dioniso (lo stesso dio che stava per piacere e baldoria). Dagli antichi ad oggi, molti hanno apprezzato il vino e altre bevande alcoliche sia per i loro benefici rituali o le loro aspetti celebrativi e persino licenziose. Il valore di alcol sicuramente è stato apprezzato in America coloniale, che ha bevuto liberamente e volentieri, e dove il ministro Aumento Mather definito alcol la "buona creatura di Dio" (Lender & Martin, 1987, pag. 1).

L’alcol può essere buono o cattivo

L’alcol e il Lifestyle integrato

Grossarth-Maticek (1995) ha presentato una versione ancora più radicale di questo approccio integrato, in cui l’autoregolamentazione è il valore fondamentale individuale o di prospettiva, e di bere moderatamente o sano è secondario a questo orientamento più grande:

Bere I messaggi e le loro conseguenze

mai Bere

L’approccio proscrittivo all’alcol, caratteristico per esempio, delle società musulmane e mormoni, esclude formalmente fuori tutto l’uso di alcol. Negli Stati Uniti, i gruppi proscrittivi includono sette protestanti conservatrici e, spesso corrispondenti a tali gruppi religiosi, regioni politiche a secco. Se quelli in tali gruppi bere, che sono ad alto rischio di bere eccessivamente, perché non ci sono norme per prescrivere un consumo moderato. Questo stesso fenomeno è visto nelle indagini bere nazionali, in cui i gruppi con alti tassi di astinenza anche visualizzare superiore alla media i tassi di problema potabile, almeno tra coloro che sono esposti all’alcol (Cahalan & Camera, 1974; Hilton, 1987, 1988).

Alcol controllo

culture Temperance (ossia scandinava e le nazioni di lingua inglese) favorire le politiche di alcol-controllo più attivi. Storicamente, questi hanno assunto la forma di campagne di divieto. Nella società contemporanea, queste nazioni fanno rispettare rigidi parametri per bere, tra cui la regolamentazione del tempo e luogo di consumo, restrizioni di età per bere, politiche fiscali, e così via. culture Nontemperance mostrano meno preoccupazione in tutti questi settori e tuttavia segnalano un minor numero di problemi di alcolismo comportamentali (Levine, 1992; Peele, 1997). Per esempio, in Portogallo, Spagna, Belgio e altri paesi, 16 anni di età (e quelli anche più giovani) possono bere alcolici liberamente negli istituti pubblici. Questi paesi non hanno quasi nessuna presenza AA; Portogallo, che ha avuto il più alto consumo pro capite di alcol nel 1990, ha avuto 0,6 gruppi AA per milione di abitanti rispetto a quasi 800 gruppi di AA per milione di abitanti in Islanda, il paese che consuma meno alcol pro capite in Europa. L’idea della necessità di controllare potabile esternamente o formalmente quindi coincide con problemi di alcool in un rapporto paradossalmente sinergico.

Allo stesso tempo, gli sforzi per controllare o migliorare problemi di alcolismo e bere a volte hanno effetti indesiderati. Per quanto riguarda il trattamento, Camera (1988, p. 43) note,

Camera ha osservato che, nel periodo dal 1950 attraverso il 1970, i controlli di alcol erano rilassati e problemi di alcol è cresciuto come il consumo è aumentato. Questo è il rapporto percepito sottostante l’approccio di politica pubblica di limitare il consumo di alcol. Tuttavia, dal 1970, i controlli di alcol nella maggior parte dei paesi (insieme a trattamento) sono aumentate e il consumo è rifiutato. ma i singoli problemi di alcolismo hanno aumentato marcatamente (almeno negli Stati Uniti), in particolare tra gli uomini (Tabella 26.2). Intorno al punto in cui il consumo pro capite ha cominciato a diminuire, tra il 1967 e il 1984, NIAAA-finanziato le indagini bere nazionali hanno registrato un raddoppio dei sintomi di alcol-dipendenza auto-riportati senza un concomitante aumento dei consumi tra i bevitori (Hilton & Clark, 1991).

Tabella problemi 26.2 Dipendenza potabili tra i bevitori statunitensi.

Gli intervistati di segnalazione almeno un sintomo di dipendenza nel corso dell’anno precedente (%)

Bere per Piacere

La maggior parte delle persone bere in linea con gli standard dei loro ambienti sociali. La definizione di bere piacevole varia a seconda del gruppo di cui la beve fa parte. Chiaramente, alcune società hanno un diverso senso del godimento di alcol rispetto ai suoi pericoli. Una definizione di culture nontemperance è che essi concepiscono di alcol come un piacere positivo, o come una sostanza il cui uso è valutata in sé. Bales (1946), Jellinek (1960), e altri hanno distinto le differenti concezioni di alcol che caratterizzano la temperanza e nontemperance culture come, rispettivamente, l’Irlanda e l’italiano: Nel primo, l’alcool connota destino imminente e pericolo e al stessa libertà di tempo e di licenza; in quest’ultimo alcol non è concepito come la creazione di problemi sociali o personali. In cultura irlandese, alcool è separato dalla famiglia e viene utilizzato sporadicamente in circostanze speciali. In italiano, bere è concepito come un luogo comune, ma gioiosa, opportunità sociale.

Bere per la Salute

Eppure, gli atteggiamenti residui negli Stati Uniti, una temperanza società-conflitto con un riconoscimento e utilizzo dei benefici per la salute di alcool (Peele, 1993). Questo ambiente crea pressioni contrastanti: la coscienza di salute spinge verso la considerazione del salubrità e gli effetti di prolungamento della vita di bere, ma antialcohol tradizionale e medicina viste lavoro contro presentando messaggi positivi di bere. Bradley, Donovan, e Larson (1993) descrivono questo fallimento di professionisti medici, fuori sia la paura o ignoranza, a includere le raccomandazioni per i livelli di consumo ottimali nelle interazioni con i pazienti. Questa omissione sia nega le informazioni relative salvavita benefici di alcol per i pazienti che possono trarre beneficio e non riesce ad approfittare di un grande corpo di ricerca che mostra che "brevi interventi," in cui i professionisti della salute consigliano di bere ridotti, sono strumenti altamente redditizi per la lotta contro l’abuso di alcol (Miller et al. 1995).

Chi dà messaggi di bere e cosa dicono?

Governo e di sanità pubblica

industria pubblicitaria

scuole

L’assenza di una visione equilibrata di alcol è degno di nota in contesti educativi, come nei messaggi di salute pubblica. scuole elementari e secondarie semplicemente temono i rischi disapprovazione e di responsabilità di tutto ciò che possono essere adottate per favorire bere, soprattutto perché i loro costi non sono ancora l’età legale per bere negli Stati Uniti (confrontare questo con le scuole private in Francia, che servono i loro studenti vino ai pasti). Ciò che può essere ancora più sconcertante è l’assenza di messaggi di consumo positivi e le opportunità nei campus dei college americani, dove il bere è comunque diffusa. Senza un modello positivo di bere collegiale da offrire, nulla sembra controbilanciare la natura concentrata e talvolta compulsivo (definito "abbuffate," vedi Wechsler, Davenport, Dowdall, Moeykens, & Castillo, 1994) di questa assorbendo giovanile.

Famiglia, adulti, o coetanei

Poiché i gruppi sociali contemporanee offrono le maggiori pressioni e supporti per il comportamento potabile, le famiglie, gli altri adulti presenti, e pari sono le determinanti più critici di stili di bere (Cahalan & Sala, 1974). Questi diversi gruppi sociali tendono a colpire le persone, in particolare dei giovani individui, diversamente (Zhang, Welte, & Wieczorek, 1997). Peer bere, tra i giovani, in particolare, connota illecito e il consumo eccessivo. In effetti, uno dei motivi per consentire ai giovani di bere legalmente è che poi sono più propensi a bere con gli adulti-correlate o altrimenti, che di regola tendono a bere più moderatamente. La maggior parte dei bar, ristoranti e altri stabilimenti bere sociale incoraggiano bere moderato, e quindi tali stabilimenti e dei loro clienti possono servire come socializzazione delle forze per la moderazione.

Naturalmente, i fattori di fondo sociali, etnici, e altri influenzano sia la modellazione positivo del bere si verifica in questi gruppi. Ad esempio, i giovani con i genitori che abusano di alcol avrebbe fatto meglio ad imparare a bere al di fuori della famiglia. E questo è il problema centrale con i casi in cui la famiglia prevede il modello primario per il comportamento bere. Se la famiglia non è in grado di dare l’esempio per bere moderato, poi gli individui le cui famiglie o astenersi o bere eccessivamente restano senza modelli adeguati dopo di che alla moda le proprie abitudini di consumo. Questo non è un squalifica automatica per diventare un bevitore moderato, tuttavia; la maggior parte figli di entrambi astinente o pesanti potabile genitori gravitano verso norme comunitarie di bere sociale (Harburg, DiFranceisco, Webster, Gleiberman, & Schork, 1990).

Non solo i genitori a volte mancano di abilità sociali potabile, coloro che li possiedono sono spesso sotto attacco da altre istituzioni sociali negli Stati Uniti. Ad esempio, i programmi di educazione alcol totalmente negativi nelle scuole paragonano alcol per droghe illegali, in modo che i bambini sono confusi a vedere i loro genitori praticanti apertamente ciò che viene detto è un comportamento pericoloso o negativo.

Ciò che i giovani dovrebbero imparare circa alcol e abitudini di consumo positivi?

Tabella 26.3 1997 Monitoraggio dei dati futuri liceali di alto livello.

Questi dati indicano che, anche se i tre quarti di studenti delle scuole superiori negli Stati Uniti hanno bevuto alcol nel corso dell’anno, e più della metà sono stati ubriachi, 7 su 10 disapprova adulti che bevono regolarmente, moderate quantità di alcol (più di disapprovano fine settimana pesante potabile). In altre parole, ciò che gli studenti americani conoscere l’alcol li porta a disapprovare uno stile sano di bere, ma allo stesso tempo essi si beve in modo malsano.

Conclusione

Al posto di messaggi che portano ad una combinazione disfunzionale di comportamenti e atteggiamenti, un modello di bere ragionevole dovrebbe essere presentata potabile regolarmente, ma moderatamente, bere integrato con altre pratiche salutari, e bevendo motivato, accompagnato da, e porta a sentimenti più positivi. Harburg, Gleiberman, DiFranceisco, e Peele (1994) hanno presentato un tale modello, che chiamano "bere sensato." In questa prospettiva, la seguente serie di pratiche e raccomandazioni prescrittive e piacevoli deve essere comunicato ai giovani e gli altri:

  1. L’alcol è una bevanda legale ampiamente disponibile in molte società in tutto il mondo.
  2. L’alcol può essere oggetto di abuso, con gravi conseguenze negative.
  3. L’alcol è più spesso utilizzato in modo delicato e socialmente positivo.
  4. L’alcol utilizzato in questo modo trasmette vantaggi significativi, tra cui la salute, la qualità di vita di-, e benefici psicologici e sociali.
  5. E ‘fondamentale per l’individuo di sviluppare le competenze per gestire il consumo di alcol.
  6. Alcuni gruppi usano l’alcol quasi esclusivamente in modo positivo, e questo stile di consumo dovrebbero essere valutate e emulati.
  7. bere positivo coinvolge regolare consumo moderato, spesso anche altre persone di entrambi i sessi e tutte le età e le attività che comportano di solito in aggiunta al consumo di alcol, in cui il contesto generale è piacevole, sia rilassante o socialmente stimolante.
  8. L’alcol, come altre attività salutari, sia prende forma e produce il massimo beneficio all’interno di una struttura di vita complessivamente positivo e ambiente sociale, incluso il gruppo sostiene, altre abitudini salutari, e un deciso e impegnato stile di vita.

Se abbiamo paura di comunicare tali messaggi, allora abbiamo entrambi perdere l’occasione per un coinvolgimento significativo la vita utile e realtà aumentare il pericolo di bere problematico.

  1. Divieto è stato abrogato negli Stati Uniti nel 1933.

Riferimenti

Akers, R.L. (1992). Droghe, alcol e società: la struttura sociale, di processo e di politica. Belmont, CA: Wadsworth.

Bacon, S. (1984). problemi di alcol e scienze sociali. Journal of problemi di droga. 14. 7-29.

Bales, R.F. (1946). Le differenze culturali nei tassi di alcolismo. Quarterly Journal of Alcohol Studies. 6. 480-499.

Baum-Baicker, C. (1985). I benefici psicologici del consumo moderato di alcol: una revisione della letteratura. Droga e dipendenza da alcol. 15. 305-322.

Bradley, K.A. Donovan, D.M. & Larson, E.B. (1993). Quanto è troppo? Consigliare i pazienti circa i livelli di sicurezza del consumo di alcol. Archives of Internal Medicine, 153, 2734-2740.

Cahalan, D. (1970). bevitori problematici: un sondaggio nazionale. San Francisco: Jossey-Bass.

Cahalan, D. & Camera, R. (1974). Problema potabile tra gli uomini americani. New Brunswick, NJ: Rutgers Center of Alcohol Studies.

Camargo, C.A. Jr. (1999). Le differenze di genere negli effetti sulla salute del consumo moderato di alcol. In S. Peele & M. Grant (Eds.), Alcol e piacere: una prospettiva di sanità (Pp. 157-170). Philadelphia: Brunner / Mazel.

Criqui, M.H. & Ringle, B.L. (1994). Does dieta o alcool spiegano il paradosso francese? Lancetta. 344. 1719-1723.

Bambola, R. (1997). Uno per il cuore. British Medical Journal. 315. 1664-1667.

Edwards, G. Anderson, P. Babor, T.F. Casswell, S. Ferrence, R. Giesbrech, N. Godfrey, C. Holder, H.D. Lemmens, P. MäKelä, K. Midanik, L.T. Norstrom, T. Osterberg, E. Romelsjö, A. Sala, R. Simpura, J. & Skog, O.-J. (1994). politica di alcol e il bene pubblico. Oxford, UK: Oxford University Press.

Glassner, B. (1991). la sobrietà ebraica. In D.J. Pittman & H.R. Bianco (Eds.), Società, cultura, e bere modelli riesaminate (pp. 311-326). New Brunswick, NJ: Rutgers Center of Alcohol Studies.

Grant, B.F. & Dawson, D.A. (1998). Età di insorgenza del consumo di alcol e la sua associazione con il DSM-IV l’abuso di alcol e dipendenza: Risultati del National Longitudinal Survey Alcohol epidemiologici. Journal of Substance Abuse. 9. 103-110.

Grossarth-Maticek, R. & Eysenck, H.J. (1995). L’autoregolamentazione e la mortalità da cancro, malattia coronarica, e altre cause: uno studio prospettico. Personalità e differenze individuali. 19. 781-795.

Grossarth-Maticek, R. Eysenck, H.J. & Boyle, G.J. (1995). Il consumo di alcol e salute: interazione sinergica con personalità. Rapporti psicologici. 77. 675-687.

Harburg, E. DiFranceisco, M.A. Webster, D.W. Gleiberman. L. & Schork, A. (1990). trasmissione familiare di uso di alcol: Parent 1. e alcol figli adulti utilizzano più di 17 anni-Tecumseh, Michigan. Journal of Studies on Alcohol. 51. 245-256.

Harburg, E. Gleiberman, L. DiFranceisco, M.A. & Peele, S. (1994). Verso un concetto di bere sensibile e un esempio di misura. alcol & Alcolismo. 29. 439-450.

Heath, D.B. (1989). Il nuovo movimento della temperanza: Attraverso lo specchio. Droghe e Società. 3. 143-168.

Heath, D.B. (1999). Bere e piacere attraverso le culture. In S. Peele & M. Grant (Eds.), Alcol e piacere: una prospettiva di sanità (Pp. 61-72). Philadelphia: Brunner / Mazel.

Hilton, M.E. (1987). Bere modelli e problemi di alcolismo nel 1984: I risultati di un sondaggio popolazione generale. Alcolismo: Clinical and Experimental Research. 11. 167-175.

Hilton, M.E. (1988). la diversità regionale nelle pratiche di consumo degli Stati Uniti. British Journal of Addiction. 83. 519-532.

Hilton, M.E. & Clark, W.B. (1991). I cambiamenti nei modelli di consumo americani e problemi, 1967-1984. In D.J. Pittman & H.R. Bianco (Eds.), modelli di società, la cultura, e bere riesaminati (Pp. 157-172). New Brunswick, NJ: Rutgers Center of Alcohol Studies.

Jellinek. E.M. (1960). Il concetto di malattia di alcolismo. New Brunswick, NJ: Rutgers Center of Alcohol Studies.

Leigh, aC (1999). Pensare, sentire, e bere: aspettative Alcol e l’uso di alcol. In S. Peele & M. Grant (Eds.), Alcol e piacere: una prospettiva di sanità (Pp. 215-231). Philadelphia: Brunner / Mazel.

Lender, M.E. & Martin, J.K. (1987). Bere in America (2a ed.). New York: Free Press.

Levine, H.G. (1978). La scoperta della dipendenza: la modifica concezioni di ubriachezza abituale in America. Journal of Studies on Alcohol. 39. 143-174.

Levine, H.G. (1992). culture Temperance: alcol come un problema in nordico e le culture di lingua inglese. In M. Lader, G. Edwards, & C. Drummond (Eds.), La natura di alcol e problemi legati alla droga (Pp. 16-36). New York: Oxford University Press.

Luik, J. (1999). Sorveglianti, abati, ed edonisti modeste: Il problema di permesso per piacere in una società democratica. In S. Peele & M. Grant (Eds.), Alcol e piacere: una prospettiva di sanità (Pp. 25-35). Philadelphia: Brunner / Mazel.

Musto, D. (1996, aprile). L’alcol nella storia americana. Scientific American. pp. 78-83.

Peele, S. (1987). I limiti dei modelli di controllo-di-fornitura per spiegare e prevenire l’alcolismo e la tossicodipendenza. Journal of Studies on Alcohol. 48. 61-77.

Peele, S. & Brodsky, A. (1998). benefici psicosociali di uso moderato di alcol: Associazioni e le cause. Manoscritto non pubblicato.

Pernanen, K. (1991). L’alcol in violenza umana. New York: Guilford.

Roizen, R. (1983). Smuovere: generali vista popolazione degli effetti dell’alcol. In R. Camera & G. Collins (Eds.), Alcol e disinibizione: natura e il significato del collegamento (Pp. 236-257). Rockville, MD: Istituto nazionale su abuso di alcool e l’alcolismo.

Camera, R. (1989). L’alcolismo e Alcolisti Anonimi nei film statunitensi, 1945-1962: La festa si conclude per la "generazioni bagnate." Journal of Studies on Alcohol. 83. 11-18.

Stockwell, T. & Singolo, E. (1999). Riduzione consumo nocivo di alcol. In S. Peele & M. Grant (Eds.), Alcol e piacere: una prospettiva di sanità (Pp. 357-373). Philadelphia: Brunner / Mazel.

Survey Research Center, Istituto per la Ricerca Sociale. (1998a). Il Monitoraggio dello Studio Future [In linea]. (Disponibile: http://www.isr.umich.edu/src/mtf/mtf97t4.html)

Survey Research Center, Istituto per la Ricerca Sociale. (1998b). Il Monitoraggio dello Studio Future [In linea]. (Disponibile: http://www.isr.umich.edu/src/mtf/mtf97tlO.html)

Wechsler, H. Davenport, A. Dowdall, G. Moeykens, B. & Castillo, S. (1994). Salute e conseguenze comportamentali di binge drinking in un college: Indagine nazionale di studenti di 140 università. Journal of American Medical Association. 272. 1672-1677.

CHI. (1993). Piano d’azione europeo alcool. Copenaghen: Ufficio Regionale per l’Europa.

Wholey, D. (1984). Il coraggio di cambiare. New York: Warner.

Zhang, L. Welte, J.W. & Wieczorek, W.F. (1997). Peer e le influenze dei genitori sul maschio potabile adolescente. Sostanza uso e l’abuso. 32. 2121-2136.

Related posts

  • L’alcol nella Chiesa, cattivi effetti di alcol.

    L’unica cosa che probabilmente ha detto che più di ogni altra cosa per giustificare bere bevande alcoliche è che Gesù beveva vino. Tuttavia, non vi è una singola istruzione nella Bibbia che dichiara che …

  • L’alcol in Islam, cattivi effetti di alcol.

    L’alcol parola deriva dalla parola araba al-Kohl, il che significa che i grani fermentati, frutta, o zuccheri che formano una bevanda inebriante quando fermentata. Khamr o khamrah è la parola usata in …

  • Bere alcol può essere sia buono e male per te, gli effetti negativi di alcol.

    Da VOA Imparare l’inglese, questo è Science in the News. Sono Bob Doughty. E sono Kelly Jean Kelly. Bere alcol è un comportamento socialmente accettabile in molte parti del mondo. Alcuni medici …

  • Usa Alcol e cancro, bere effetti.

    La maggior parte delle persone sanno che bere pesante alcol può causare problemi di salute. Ma molte persone potrebbero non sapere che bere alcol può aumentare il rischio di cancro. L’alcol è una causa nota di tumori di …

  • abuso di alcol, gli effetti dell’abuso di alcol.

    Si stima che una persona su 13 persone nel Regno Unito sono dipendente da alcol (un alcolizzato), con diversi milioni di bere eccessivamente, nella misura in cui essi stanno mettendo la loro salute a rischio ….

  • CAN Satana o ai demoni INHABIT alcol, cattivi effetti di alcol.

    Può Satana ABITARE BEVANDE ALCOLICHE? VINO = viene registrato 231 volte nella Bibbia e implica; il sangue di Gesù, il giudizio di santi e peccatori, la fornicazione e un liquido cena. BEVANDE ALCOLICHE = …

Related posts