L’allattamento al seno, medici di famiglia non protagonista (Position Paper) – Politica AAFP, miglior latte per neonati.

L'allattamento al seno, medici di famiglia non protagonista (Position Paper) - Politica AAFP, miglior latte per neonati.

introduzione

L’American Academy of Family Physicians (AAFP) ha a lungo sostenuto l’allattamento al seno. Tutti i medici di famiglia, anche se non forniscono assistenza alla maternità, hanno un ruolo unico nella promozione dell’allattamento al seno. Capiscono i vantaggi di assistenza centrata sulla famiglia e sono ben posizionati per fornire supporto al seno in quel contesto. Perché forniscono assistenza completa per tutta la famiglia, i medici di famiglia hanno l’opportunità di fornire l’istruzione l’allattamento al seno e il sostegno durante tutto il corso della vita a tutti i membri della famiglia.

Storia

Nonostante la crescente evidenza dei rischi per la salute di non allattamento al seno, i medici di famiglia, tra cui medici, non ricevono una formazione adeguata di sostenere l’allattamento al seno. 8-11 Anche se i medici fanno raccomandazioni di salute su molti aspetti della cura dei bambini, molti medici temono ancora che sostenendo l’allattamento al seno causerà il senso di colpa dei genitori. Tuttavia, i genitori possono sentirsi meno sensi di colpa se hanno avuto l’opportunità di imparare tutte le informazioni pertinenti e possono prendere una decisione pienamente informato. 12

Effetti sulla salute

Una revisione sistematica degli effetti dell’allattamento al seno sulla salute materna e infantile ha scoperto che per i neonati nei paesi sviluppati, non l’allattamento al seno è associato ad un aumentato rischio di condizioni comuni, tra cui otite media acuta; gastroenterite; dermatite atopica; e le condizioni di pericolo di vita tra cui gravi infezioni respiratorie, enterocolite necrotizzante, e sindrome della morte improvvisa del neonato. 14, 15, 17 Gli effetti benefici per la salute del seno persistono oltre il periodo di allattamento al seno. 18 A CHI revisione ha mostrato che i bambini che non erano stati allattati al seno avevano maggiore pressione media del sangue, aumento del rischio di diabete di tipo 2, un aumento del rischio di obesità, e punteggi più bassi nei test d’intelligenza. 13, 19 bambini che non sono allattati al seno sono anche a un aumento del rischio di diabete di tipo 1, l’asma, e la leucemia infantile. 5, 15

La base di evidenze supporta inoltre l’importanza di sei mesi di allattamento al seno esclusivo (se confrontato con quattro mesi) come protezione contro il tratto gastrointestinale e infezioni delle vie respiratorie, tra cui otite media e polmonite. 20

L’allattamento al seno ha anche vantaggi economici e sociali più ampie. i costi di assistenza sanitaria per i bambini e le madri sono aumentati quando l’allattamento al seno è la durata ottimale. 27, 28 L’allattamento al seno può proteggere contro abbandono di minori e abusi. 29 Inoltre, l’allattamento al seno aiuta a proteggere l’ambiente perché non comporta l’uso di pascoli per le mucche, nessun prodotto il trasporto o l’imballaggio, e senza sprechi. 30

Raccomandazioni principali

  1. Quasi tutti i bambini dovrebbero essere allattati al seno o ricevere latte materno esclusivamente per circa sei mesi. 20 L’allattamento al seno con adeguata alimentazione complementare, tra cui alimenti ricchi di ferro, dovrebbe continuare almeno fino al primo anno. esiti 5 salute per madri e bambini sono migliori quando l’allattamento al seno si protrae per almeno due anni. 4 L’allattamento al seno dovrebbe continuare finché reciprocamente voluta da madre e figlio.
  2. controindicazioni mediche per l’allattamento al seno sono rare. Il CDC scoraggia ancora l’allattamento al seno per le donne sieropositive negli Stati Uniti. 31 donne sieropositive in aree con alti tassi di diarrea infantile e malattie respiratorie sono incoraggiati ad allattare esclusivamente per sei mesi. Quando madri e bambini sono trattati in modo adeguato con i farmaci antivirali, l’allattamento al seno esclusivo per sei mesi, con l’allattamento al seno continuato per 12 mesi, può essere considerato. 32 Le donne che hanno l’HIV che non hanno accesso alle cure sono scoraggiati da allattamento al seno se l’alimentazione sostitutiva è accettabile, fattibile, abbordabile, sostenibile e sicura. 33 L’allattamento al seno è controindicato quando la madre ha tipo di virus della leucemia umana a cellule T I o di tipo II. I bambini che hanno tipo 1 galattosemia non dovrebbero essere allattati al seno; alcuni altri errori congeniti del metabolismo possono richiedere l’alimentazione modifica. 33 Se ci sono attivi lesioni herpes simplex sul seno, il bambino non deve alimentare da quel lato fino a quando le lesioni guariscono. Le madri che hanno la tubercolosi attiva non trattata o varicella attiva nel periodo neonatale devono essere separati dai loro bambini, anche se il latte materno può essere alimentato al neonato. L’uso materno di sostanze d’abuso, antimetaboliti, agenti chemioterapici, o radioisotopi può controindicare l’allattamento al seno. La maggior parte delle condizioni materne possono essere trattate con farmaci che sono sicuri per l’allattamento al seno. 5
  3. centri di parto e gli ospedali hanno bisogno di incorporare i principi di bambino. I bambini devono essere tenuti pelle a pelle con la madre, almeno fino a quando la prima poppata successo. 34 pratiche di cure perinatali dovrebbero sostenere l’allattamento al seno, seguendo in modo ottimale i “Dieci Passi allattamento al seno” 35 (vedi Appendice 6 ), e le madri ei bambini dovrebbero ricevere cure da operatori sanitari informati circa l’allattamento al seno. 36
  4. Formula integrazione dei bambini allattati al seno deve avvenire solo quando clinicamente indicato. 33 medici di famiglia non dovrebbero compromettere l’allattamento al seno, fornendo campioni di formula o buoni per le madri che allattano. 37
  5. L’allattamento al seno i neonati e le madri dovrebbero essere considerate per il follow-up entro pochi giorni dopo la nascita. I medici di famiglia e di tutti gli operatori sanitari che si occupano regolarmente per le madri ei bambini dovrebbero essere in grado di assistere con l’allattamento al seno normale e sfide comuni di allattamento al seno. Quando sfide superano la perizia del medico di famiglia, i pazienti devono essere indirizzati a qualcuno con un più alto livello di competenza, come ad esempio un consulente internazionale Board Certified Lactation. 5
  6. I medici di famiglia dovrebbero stabilire un ufficio di allattamento al seno-friendly, anche se non forniscono assistenza alla maternità. I medici di famiglia devono sostenere per l’allattamento al seno e fornire l’istruzione sull’allattamento al seno nel corso della vita e per tutta la famiglia. I medici di famiglia possono fornire assistenza prenatale e sostegno del lavoro, consegnare il bambino, aiutare nella iniziazione tempestiva e la continuazione dell’allattamento al seno, e continuare la cura per il bambino e la famiglia. L’allattamento al seno formazione e il supporto possono essere integrati in queste visite. I medici di famiglia hanno l’opportunità unica per sottolineare l’allattamento al seno all’istruzione inizia con visite preconcetto e continuando attraverso la cura prenatale, la consegna, e l’assistenza post-partum, e durante la cura costante della famiglia. L’incoraggiamento di un medico e di altri membri della famiglia, in particolare il padre e la nonna materna del bambino, sono fattori importanti per l’inizio dell’allattamento al seno. Mentre la cura per famiglia immediata ed estesa di una madre, un medico di famiglia dovrebbe ricordare il suo sistema di sostegno sociale per incoraggiare l’allattamento al seno. 38, 39
  7. Con tutti i vantaggi per la salute di seno per madri e bambini, così come il suo impatto economico ed ecologico, l’allattamento al seno è un problema di salute pubblica, non semplicemente una scelta di vita. I medici di famiglia devono lavorare nelle loro comunità per sostenere la rimozione degli ostacoli alla allattamento al seno. Questo potrebbe includere superare i problemi culturali, favorendo l’allattamento al seno nei luoghi di lavoro-friendly, sostenendo per un adeguato congedo di maternità retribuito, e proteggere il diritto di allattare in pubblico.
    8. Le scuole di medicina e residenze medicina di famiglia dovrebbero comprendere appropriata curricula in lattazione fisiologia e gestione l’allattamento al seno in modo che i medici di famiglia siano adeguatamente formati per fornire assistenza alle madri che allattano e bambini. 40 tirocinanti medici che allattano dovrebbero ricevere sostegno per raggiungere i loro obiettivi di allattamento al seno.

Ulteriori informazioni e risorse si possono trovare nei seguenti allegati:
Appendice 1: Raccomandazioni per la gestione clinica
Appendice 2: Ulteriori considerazioni allattamento al seno
Appendice 3: Formazione di studenti di medicina e residenti medicina di famiglia
Appendice 4: AAFP politiche in materia di allattamento al seno
Appendice 5: Risorse per i medici di famiglia e altri operatori sanitari
Appendice 6: Iniziative allattamento al seno nazionali ed internazionali

Un ringraziamento speciale allo staff AAFP:
Julie Legno, MD, FAAFP, FABM, IBCLC
Jennifer gelo, MD
Bellinda Schoof
Diana Swafford
Melanie Uccello, PhD

Riferimenti

  1. Apple, R.D. La medicalizzazione della alimentazione infantile negli Stati Uniti e Nuova Zelanda: due paesi, una esperienza. J Hum Lact, 1994. 10 (1): 31-37.
  2. Greer, F.R. e R.D. Apple, medici, società di formula, e la pubblicità. Una prospettiva storica. Am J Dis Child, 1991. 145 (3): 282-286.
  3. Wright, A.L. L’aumento del seno negli Stati Uniti. Pediatr Clin North Am, 2001. 48 (1): 1-12.
  4. Organizzazione Mondiale della Sanità l’UNICEF, Dichiarazione degli Innocenti sulla protezione, promozione e sostegno dell’allattamento al seno. 1990. http://www.unicef.org/programme/breastfeeding/innocenti.htm (www.unicef.org)
  5. American Academy of Pediatrics, allattamento al seno e l’uso del latte umano. Pediatrics, 2012. 129 (3): e827-841.
  6. Stati Uniti Dipartimento di Salute e Servizi Umani. Healthy People 2020, materna, infantile e la salute dei bambini. 2014 16 luglio 2014]; Disponibile da: http://www.healthypeople.gov/2020/topicsobjectives2020/overview.aspx?topicid=26 (www.healthypeople.gov).
  7. Centers for Disease Control and Prevention, allattamento al seno Report Card 2014, Stati Uniti. 2014. http://www.cdc.gov/breastfeeding/pdf/2014breastfeedingreportcard.pdf (www.cdc.gov)
  8. Liberato, G.L. et al. Allattamento formazione dei residenti ostetricia-ginecologia e professionisti. Am J Obstet Gynecol, 1995. 173 (5): 1607-1613.
  9. Liberato, G.L. et al. valutazione nazionale di allattamento al seno conoscenze, gli atteggiamenti, la formazione e l’esperienza dei medici. Jama, 1995. 273 (6): 472-476.
  10. Feldman-Inverno, L. et al. Residency curriculum migliora cura l’allattamento al seno. Pediatrics, 2010. 126 (2): 289-297.
  11. Krogstrand, K.S. e K. Parr, i medici ricevere ulteriori informazioni al problem-solving per promuovere e sostenere l’allattamento al seno. J Am Diet Assoc, 2005. 105 (12): 1943-1947.
  12. Labbok, M. esplorazione del senso di colpa tra le madri che non allattano: il ruolo del medico. J Hum Lact, 2008. 24 (1): 80-84.
  13. Horta, B.L. e C.G. Victora, efects a lungo termine dell’allattamento al seno: una revisione sistematica. 2013. http://apps.who.int/iris/bitstream/10665/79198/1/9789241505307_eng.pdf (apps.who.int)
  14. Horta, B.L. e C.G. Victora, Effetti a breve termine dell’allattamento al seno: una revisione sistematica sui vantaggi dell’allattamento al seno sulla diarrea e la mortalità polmonite. 2013. http://allattamento.sip.it/wp-content/uploads/2014/03/WHO_breve-termine.pdf (allattamento.sip.it)
  15. Ip, S. et al. L’allattamento al seno e risultati di salute materna e infantile nei paesi sviluppati. Evid Rep Technol un voto (Rep Full), 2007 (153): 1-186.
  16. Dieterich, C.M. et al. esiti allattamento al seno e di salute per la diade madre-bambino. Pediatr Clin North Am, 2013. 60 (1): 31-48.
  17. Mitchell, E.A. Raccomandazioni per la morte improvvisa del lattante prevenzione sindrome: un documento di discussione. Arch Dis Child, 2007. 92 (2): 155-159.
  18. Kelishadi, R. e S. Farajian, Gli effetti protettivi dell’allattamento al seno sulle malattie croniche non trasmissibili in età adulta: Una revisione delle prove. Adv Biomed Res, 2014. 3: 3.
  19. Belfort, M.B. et al. l’alimentazione infantile e cognizione infanzia all’età di 3 e 7 anni: Effetti della durata dell’allattamento al seno ed esclusività. JAMA Pediatr, 2013. 167 (9): 836-844.
  20. Kramer, M.S. e R. Kakuma, la durata ottimale di allattamento esclusivo al seno. Cochrane Database Syst Rev, 2012. 8: Cd003517.
  21. Baker, J.L. et al. L’allattamento al seno riduce la ritenzione di peso dopo il parto. Am J Clin Nutr, 2008. 88 (6): 1543-1551.
  22. Stuebe, A.M. e E.B. Schwarz, i rischi ed i benefici delle pratiche di alimentazione infantile per le donne ei loro bambini. J Perinatol, 2010. 30 (3): 155-162.
  23. Figueiredo, B. C. Canario, e T. Campo, allattamento al seno è influenzato negativamente da depressione prenatale e riduce la depressione post-partum. Psychol Med, 2014. 44 (5): 927-936.
  24. Jager, S. et al. L’allattamento al seno e rischio materna di diabete di tipo 2: uno studio prospettico e meta-analisi. Diabetologia, 2014. 57 (7): 1355-1365.
  25. Il cancro al seno e l’allattamento al seno: rianalisi collaborativa di dati individuali da 47 studi epidemiologici in 30 paesi, tra cui 50302 donne con cancro al seno e 96973 donne senza la malattia. Lancet, 2002. 360 (9328): 187-195.
  26. Luan, N.N. et al. L’allattamento al seno e il cancro ovarico rischio: una meta-analisi di studi epidemiologici. Am J Clin Nutr, 2013. 98 (4): 1020-1031.
  27. Bartick, M. e A. Reinhold, l’onere di allattamento al seno non ottimale negli Stati Uniti: una analisi dei costi pediatrica. Pediatrics, 2010. 125 (5): e1048-1056.
  28. Bartick, M.C. et al. Analisi dei costi della malattia materna associata con l’allattamento al seno non ottimale. Obstet Gynecol, 2013. 122 (1): 111-119.
  29. Strathearn, L. et al. Ha l’allattamento al seno protegge contro gli abusi sui minori e di abbandono fondate? Uno studio di coorte di 15 anni. Pediatrics, 2009. 123 (2): 483-493.
  30. Stati Uniti Dipartimento di Salute e Servizi Umani, chiamata del Surgeon General di azione per sostenere l’allattamento. 2011. http://www.surgeongeneral.gov/library/calls/breastfeeding/calltoactiontosupportbreastfeeding.pdf (www.surgeongeneral.gov)
  31. Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, una donna dovrebbe infezione da HIV allattare il suo bambino? 2013. http://www.cdc.gov/breastfeeding/disease/hiv.htm (www.cdc.gov)
  32. Organizzazione Mondiale della Sanità, orientamenti in materia di HIV e alimentazione infantile: i principi e le raccomandazioni per l’alimentazione dei neonati nel contesto dell’HIV e una sintesi delle prove. 2010. http://www.who.int/maternal_child_adolescent/documents/9789241599535/en/ (www.who.int)
  33. Organizzazione Mondiale della Sanità l’UNICEF, ragioni mediche accettabili per l’uso di sostituti del latte materno. 2009. http://www.who.int/nutrition/publications/infantfeeding/WHO_NMH_NHD_09.01/en/ (www.who.int)
  34. Moore, É.R. et al. All’inizio contatto pelle a pelle per le madri ei loro neonati sani. Cochrane Database Syst Rev, 2012. 5: Cd003519.
  35. Baby-friendly Stati Uniti d’America. I 10 l’allattamento al seno. 2014; Disponibile da: http://www.babyfriendlyusa.org/about-us/baby-friendly-hospital-initiative/the-ten-steps (www.babyfriendlyusa.org).
  36. Renfrew, M.J. et al. Il supporto per le madri che allattano sani con bambini sani termine. Cochrane Database Syst Rev, 2012. 5: Cd001141.
  37. Howard, C. et al. Ufficio formula prenatale pubblicità e il suo effetto sui modelli di allattamento al seno. Obstet Gynecol, 2000. 95 (2): 296-303.
  38. Taveras, E.M. et al. supporto clinico e fattori di rischio psicosociali associati con l’allattamento interruzione. Pediatrics, 2003. 112 (1 Pt 1): 108-115.
  39. Sherriff, N. C. Panton, e V. Hall, un nuovo modello di padre di sostegno per promuovere l’allattamento al seno. Comunità Pract, 2014. 87 (5): 20-24.
  40. Holmes, A.V. et al. educazione allattamento medico porta a praticare modifiche e migliorare i risultati clinici. Allattare Med, 2012. 7 (6): 403-408.

Appendice 1: Raccomandazioni per la gestione clinica

RACCOMANDAZIONI clinici specifici

1. preconcetto ed educazione prenatale

  1. Indirizzo decisione alimentazione infantile prima del concepimento o all’inizio della gravidanza possibile; le donne fanno la loro decisione circa l’allattamento al seno molto presto. intenzione prenatale di allattare al seno ha un’influenza sulla iniziazione e la durata dell’allattamento al seno. Continuare a portare la questione di alimentazione infantile per tutto il periodo prenatale. 1
  2. Determinare l’intenzione della madre e dubbi o equivoci lei può avere. Fornire formazione adeguata e guida preventiva per incoraggiarla a prendere in considerazione l’allattamento al seno e determinare quale sostegno avrà bisogno di fare e portare avanti questa decisione. 2
  3. Suscitare alcun fattori nella storia della medicina di famiglia che può rendere l’allattamento al seno particolarmente importanti (ad esempio malattie atopiche, diabete, obesità, tumori) e consigliare la donna di questi fattori. 3
  4. Suscitare eventuali fattori di rischio per i potenziali problemi di allattamento al seno e le eventuali controindicazioni mediche per l’allattamento. Fornire supporto e formazione adeguata. 4
  5. Per le donne pluripare, documentare la durata della lattazione per ogni bambino, ragioni per lo svezzamento, e gli eventuali problemi che si sono verificati. (Si consiglia la storia essere documentata con la storia del lavoro di ogni bambino.) Per la gravidanza in corso, documentare un piano di intervento, compresa la consultazione allattamento dove indicato, sulla forma prenatale. 1
  6. Incoraggiare la partecipazione delle persone di supporto della madre ed educarli a seconda dei casi. Ricordate che nessuno al soggiorno visita o in ospedale prenatale possa avere influenza su allattamento al seno e altre decisioni di assistenza sanitaria. 5, 6
  7. Riconoscere i sentimenti di parenti che non erano in allattamento o che svezzati prematuramente. Incoraggiarli ad imparare ciò che è noto circa l’allattamento al seno per la salute ottimale della madre e del bambino. 7
  8. In un modo culturalmente sensibile, incoraggiano la donna e le sue persone di supporto di frequentare le lezioni di allattamento al seno e / o incontri di gruppo di supporto durante il periodo prenatale. 1, 6, 7
  9. Fornire la donna con accurata, la letteratura l’allattamento al seno non commerciale e raccomandazioni per accurate risorse di allattamento al seno laici (ad esempio libri, siti web). 6
  10. Educare le donne circa i potenziali problemi di allattamento al seno associati con l’uso di intrapartum analgesia e anestesia. Incoraggiare l’uso di una persona di sostegno del lavoro (vale a dire una doula). 8-10

2. Supporto intrapartum

  1. Fornire il supporto del lavoro adeguato per evitare il più analgesici inutili o anestesia. 11
  2. Se la madre e il bambino sono stabili, facilitare l’allattamento al seno immediato post-partum. Ridurre al minimo la separazione della madre e del bambino, e aspettare fino a dopo il primo allattamento al seno per eseguire le procedure di routine come neonati di peso, la profilassi oftalmica, e l’iniezione di vitamina K. 12, 13
  3. Provide il riscaldamento per il neonato stabile attraverso la pelle-a-pelle con la madre, che copre madre e il bambino, se necessario. 12

3. l’istruzione post-partum precoce e di sostegno

  1. L’avvocato per 24 ore rooming in per la madre e il bambino. 15
  2. Incoraggiare il sostegno persone della madre di fornire ottime opportunità per l’allattamento al seno. 7
  3. Assicurarsi che l’allattamento al seno è stato adeguatamente valutato su base regolare da professionisti qualificati. L’avvocato per i servizi di allattamento consultazione a tutti gli ospedali in cui è prevista la cura materna e infantile. 4, 14, 16, 17
  4. Educare le madri sull’importanza di frequente, l’allattamento al seno senza restrizioni con il corretto posizionamento e chiusura. 16
  5. madri aiutare a riconoscere i primi segnali di fame del bambino (ad esempio il tifo, schiocco delle labbra, succhiare le dita o le mani, movimenti rapidi degli occhi) e spiegare che il pianto è un segno tardivo di fame. Aiutare le madri a riconoscere anche i segni che il bambino è soddisfatto al termine di un alimentazione (ad esempio la postura del corpo rilassato, unclenching di pugni). 18
  6. Se la madre e il bambino devono essere separati, assistere con la manutenzione di allattamento al seno e / o garantire che madre riceve assistenza per esprimere il latte. Incoraggiare la madre per iniziare esprimendo il suo latte entro due ore dopo essere stata separata dal suo bambino. 18
  7. Alla dimissione ospedaliera, fornire le madri con chiare istruzioni verbali e scritte di allattamento al seno che includono informazioni sulla fame e indicatori di alimentazione, i modelli di feci e delle urine, ittero, la corretta chiusura e posizionamento, e le tecniche per esprimere il latte materno. 14, 16, 18
  8. Educare le madri sui rischi di supplementazione inutili e l’uso del ciuccio. 14, 16, 18
  9. Evitare l’uso di confezioni di scarico contenenti campioni di formula e la pubblicità società formula o la letteratura. 19
  10. Assicurarsi che la madre e il bambino hanno un adeguato follow-up entro 48 ore dalla dimissione e fornire la madre con i numeri di telefono per il supporto allattamento. 4, 20, 21
  11. Identificare i problemi di allattamento al seno in ospedale e assistere la madre con questi prima della dimissione. 16, 18
  12. Sviluppare un piano di follow-up adeguato per eventuali problemi o dubbi individuati. 16, 18
  13. Fornire la famiglia con informazioni sull’allattamento al seno gruppi di supporto nella community.16, 18

4. supporto e la gestione continua

  1. Valutare la madre e il bambino entro 24-72 ore dopo la dimissione ospedaliera per valutare l’adeguatezza di assunzione di latte, ittero neonatale, e problemi di allattamento. Vedere la madre e il bambino entro 24 ore dopo la dimissione ospedaliera, se l’allattamento al seno non stava andando bene in ospedale.
  2. Continuare a sostenere l’allattamento al seno per tutto il primo anno di vita e oltre a ben bambino e altre visite. Incoraggiare l’allattamento al seno esclusivo per i primi sei mesi di vita. 4
  3. Essere informati circa la prevenzione e la gestione delle sfide comuni di allattamento al seno. 22
  4. Educare ufficio personale su argomenti di allattamento al seno in modo che possano fornire triage allattamento ottimale e il supporto. 7
  5. Sviluppare un rapporto di lavoro con i professionisti con esperienza in questioni di lattazione, come internazionali Consiglio Certified Lactation Consultants. Consultare quando problemi di allattamento superano il livello di esperienza.
  6. Incoraggiare le madri che tornano a lavorare per continuare ad allattare. 7
  7. Incoraggiare le madri che non si sentono di poter continuare ad allattare esclusivamente al seno parziale di continuare più a lungo possibile.

Riferimenti

  1. Grawey, A.E. K.A. Marinelli, e A.V. Holmes, ABM protocollo clinico # 14: L’allattamento al seno ufficio-friendly del medico: ottimizzare la cura per i neonati e bambini, rivisto 2013. Allattare Med, 2013. 8: 237-242.
  2. Fischer, T.P. e B.H. Olson, uno studio qualitativo per comprendere i fattori culturali che influenzano la decisione di una madre al seno o mangime. J Hum Lact, 2014. 30 (2): 209-216.
  3. Horta, B.L. e C.G. Victora, efects a lungo termine dell’allattamento al seno: una revisione sistematica. 2013. http://apps.who.int/iris/bitstream/10665/79198/1/9789241505307_eng.pdf (apps.who.int)
  4. American Academy of Pediatrics, allattamento al seno e l’uso del latte umano. Pediatrics, 2012. 129 (3): e827-841.
  5. Maycock, B. et al. Istruzione e il supporto per i padri migliora i tassi di allattamento al seno: uno studio randomizzato controllato. J Hum Lact, 2013. 29 (4): 484-490.
  6. interventi di assistenza primaria per promuovere l’allattamento al seno: Stati Uniti preventiva dichiarazione raccomandazione Services Task Force. Ann Intern Med, 2008. 149 (8): 560-564.
  7. Stati Uniti Dipartimento di Salute e Servizi Umani, chiamata del Surgeon General di azione per sostenere l’allattamento. 2011. http://www.surgeongeneral.gov/library/calls/breastfeeding/calltoactiontosupportbreastfeeding.pdf (www.surgeongeneral.gov)
  8. Newton, K.N. et al. I fattori associati con l’allattamento al seno esclusivo tra le donne che partoriscono Latina in un ospedale per bambini da usare all’interno delle città. J Hum Lact, 2009. 25 (1): 28-33.
  9. Hodnett, E.D. supporto Caregiver per le donne durante il parto. Cochrane Database Syst Rev 2000 (2): Cd000199.
  10. Mottl-Santiago, J. et al. Un programma doula ospedale-based e gli esiti del parto in un ambiente multiculturale urbano. Matern Child Health J, 2008. 12 (3): 372-377.
  11. Montgomery, A. e T.W. Hale, ABM protocollo clinico # 15: analgesia e anestesia per la mamma che allatta, rivisto 2012.poppata Med. 2012. 7 (6): 547-553.
  12. Moore, É.R. et al. All’inizio contatto pelle a pelle per le madri ei loro neonati sani. Cochrane Database Syst Rev, 2012. 5: Cd003519.
  13. Edmond, K.M. et al. Ritardata iniziazione al seno aumenta il rischio di mortalità neonatale. Pediatrics, 2006. 117 (3): e380-386.
  14. Holmes, A.V. AY. McLeod, e M. Bunik, ABM protocollo clinico # 5: gestione allattamento Peripartum per la madre sana e neonato a termine, la revisione 2013. Allattare Med, 2013. 8 (6): 469-473.
  15. Palla, H.L. et al. studio randomizzato di posizione infantile sonno in reparto postnatale. Arch Dis Child, 2006. 91 (12): 1005-1010.
  16. Philipp, B.L. ABM protocollo clinico # 7: modello di politica allattamento al seno (Revisione 2010). Allattare Med, 2010. 5 (4): 173-177.
  17. Renfrew, M.J. et al. Il supporto per le madri che allattano sani con bambini sani termine. Cochrane Database Syst Rev, 2012. 5: Cd001141.
  18. Organizzazione Mondiale della Sanità l’UNICEF, l’iniziativa Ospedale Amico dei Bambini, Sezione 1: Contesto e attuazione, in Baby Friendly Hospital Initiative: Revised, aggiornata e ampliata per Cura Integrativa. 2009 UNICEF e Wellstart internazionale: Genevea.
  19. Donnelly, A. et al. RITIRATA: confezioni di dimissione ospedaliera commerciali per le donne che allattano. Cochrane Database Syst Rev 2000 (2): Cd002075.
  20. American Academy of Pedatrics e American College of Ostetrici e Ginecologi, post-partum e la cura di follow-up, in linee guida per la cura perinatale. 2007 American College of Ostetrici e Ginecologi: Washington, DC.
  21. Kramer, M.S. e R. Kakuma, la durata ottimale di allattamento esclusivo al seno. Cochrane Database Syst Rev, 2012. 8: Cd003517.
  22. Amir, L.H. Gestione problemi di allattamento comuni nella comunità. BMJ, 2014. 348: g2954.

Appendice 2: Ulteriori considerazioni allattamento al seno

La malattia infantile

Malattia materna

Le donne che hanno un grave trauma o malattia potenzialmente letale acuta può essere troppo malato per infermiere o il latte espresso. Se la malattia materna provoca la separazione, dovrebbe essere fornita assistenza per il mantenimento di allattamento.

Materna anestesia controindicazione raramente l’allattamento al seno. 6 anestetici locali entrare nel flusso sanguigno in piccole quantità, troppo piccolo per importi significativi per entrare il latte materno. La maggior parte degli agenti utilizzati per l’anestesia generale, compresi quelli utilizzati per indurre l’anestesia, hanno breve emivita e deselezionare la circolazione materna rapidamente. Non c’è bisogno di ritardare allattamento al seno dopo anestesia generale per una procedura di fatto entro i primi due o tre giorni dopo il parto (ad esempio legatura delle tube) perché la quantità di colostro è troppo piccolo per trasportare una notevole quantità di agenti anestetici. Per le procedure chirurgiche eseguite successivamente, la decisione in merito a riprendere l’allattamento dipende dalle condizioni del bambino. Le madri di neonati sani termine possono riprendere l’allattamento al seno una volta che sono svegli e in grado di tenere il bambino. Nel caso di un prematuro o neonato altrimenti compromessa, pompaggio e scartando il latte per 12 a 24 ore dopo la procedura può essere giustificata. 6

Raramente è necessario interrompere l’allattamento al seno per le procedure radiologiche. I radioiodides utilizzate come agenti di contrasto per via endovenosa per un po ‘la radiografia e la scansione tomografia computerizzata hanno un estremamente breve emivita e praticamente nessun biodisponibilità orale. 7 Pertanto, essi pongono un rischio non significativo di un bambino allattato al seno. Allo stesso modo, gadopentetato usato come contrasto per la risonanza magnetica (MRI) ha tale escrezione minimo nel latte, e ancora più basso assorbimento orale-che solo quantità estremamente piccole sono a disposizione del lattante. 7 Il medico di famiglia esperto può rassicurare i pazienti sottoposti a tali procedure che non vi è alcuna necessità di interrompere l’allattamento al seno e potrebbe essere necessario intervenire a favore di un paziente, se il radiologo raccomanda arresto temporaneo sulla base della letteratura del produttore fuorviante. Allo stesso modo, la maggior parte delle procedure diagnostiche che utilizzano radioisotopi non richiedono l’interruzione dell’allattamento al seno. 8, 9 Tuttavia, ci sono alcuni che possono richiedere l’interruzione temporanea or- raramente la cessazione dell’allattamento al seno. 7 I riferimenti sono disponibili che delineano gli effetti di diversi radioisotopi. 10 Per la maggior parte scansione radioattivi diagnostica, è possibile trovare un radioisotopo che non richiede interruzioni, o almeno uno con il più breve emivita. La durata del seno cessazione sarebbe cinque volte l’emivita. La madre che allatta ha la possibilità di pompaggio e memorizzazione suo latte prima della procedura. Per mantenere la sua alimentazione, la madre dovrebbe continuare a spremere il latte dopo la procedura. Si può scartare questo latte fino a quando non è sicuro di riprendere l’allattamento al seno, o lei ha la possibilità di memorizzare questo latte in un congelatore che non viene aperto spesso. Una volta che tutta la radiazione è andato, questo latte può essere somministrato al bambino. Il radiologo medicina nucleare può guidare la madre per quanto riguarda quando la radioattività sarebbe esaurita nel latte; il latte può essere analizzato per la radioattività residua.

chirurgia del seno

Alcune donne che hanno avuto l’aumento del seno potrebbero non essere in grado di produrre una quantità sufficiente di latte. 11 Alcune di queste donne possono aver avuto il tessuto del seno insufficiente prima dell’intervento chirurgico. 12, 13 Tuttavia, la chirurgia di incremento stessa può causare problemi di allattamento aggiuntivi. intervento chirurgico di riduzione del seno 14 può aumentare il rischio che una donna non sarà in grado di produrre latte sufficiente 15, 16, anche se più recenti tecniche chirurgiche che non interrompere la fornitura neurovascolare e architettura duttale (tecnica di peduncolo ad esempio inferiore) hanno meno probabilità di causare problemi. 17 del seno biopsia con incisione circumareolar può interferire con la produzione di latte e il trasferimento nel seno colpito. 15 Le donne che si sottopongono a questa procedura dovrebbero essere incoraggiati ad allattare, ma la madre e il bambino devono essere seguite attentamente per garantire che il bambino ha un adeguato apporto di latte. Le donne che sviluppano una massa sospetta al seno durante l’allattamento non dovrebbero svezzare allo scopo di valutare la massa. La mammografia e la biopsia di massa del seno può essere fatto senza interferire con l’allattamento. Una fistola latte si sviluppa a volte dopo un intervento chirurgico al seno durante l’allattamento; questa condizione è benigna e generalmente si risolve senza intervento.

Una risonanza magnetica può fornire ulteriori informazioni su allattamento seno. 18, 19 medici di famiglia dovrebbero aiutare i loro pazienti con le decisioni circa la chirurgia del seno. Essi dovrebbero comunicare con il chirurgo a sostenere per il futuro dei loro pazienti che allattano esigenze e l’allattamento al seno ambulatori di conservazione quando medicalmente fattibile.

Malattie infettive

Per la maggior parte delle infezioni materne, allattamento aiuta a proteggere il bambino contro la malattia o diminuisce la gravità della malattia causa di componenti anti-infettivi nel latte umano. Solo poche infezioni materne precludono l’allattamento al seno.

Due altre infezioni che sono meno diffusi negli Stati Uniti, ma anche controindicano l’allattamento al seno sono virus della leucemia umana a cellule T (HTLV) di tipo I e tipo II, e la brucellosi non trattata. 22, 23

La maggior parte delle infezioni non precludono l’allattamento al seno, ma in pochi le infezioni specifiche, valgono alcune considerazioni. Nelle donne che hanno tubercolosi attiva, la madre e il bambino devono essere separate fino a quando entrambi sono sottoposti a terapia antitubercolare appropriata, la madre indossa una maschera, e la madre capisce ed è disposto a rispettare le misure di controllo delle infezioni. latte espresso della madre può essere dato al neonato. Una volta che il bambino sta ricevendo isoniazide, la separazione non è necessaria a meno che la madre ha possibilità multi-resistente Mycobacterium tuberculosis, o ha scarsa aderenza al trattamento e trattamento osservazione diretta non è possibile. 24 Durante herpes simplex attivi focolai, è sicuro per una donna di allattare meno che non abbia lesioni sui seni. Si raccomanda di non infermiere dal seno colpito fino a quando le lesioni risolvere. 5 bambini nati da madri che sviluppano la varicella entro cinque giorni prima del parto o entro due giorni dopo il parto sono a rischio di più gravi infezioni varicella. Si raccomanda che il bambino e la madre essere separati finché la madre non è più infettiva, ma il latte espresso possono essere forniti, finché il latte non venga a contatto con lesioni attive. Non è stata stabilita 5 Trasmissione dell’epatite C attraverso il latte umano. Il rischio di infezione da madri con epatite C è la stessa nei neonati al seno o biberon. Tuttavia, sanguinamento o incrinate capezzoli possono mettere un neonato a rischio di trasmissione del virus. 25

Inoltre, le madri con infezione acuta da virus H1N1 devono essere isolati dalle loro bambini durante il periodo febbrile, ma il loro latte è sicuro di fornire ai loro bambini. 26 Alcune altre infezioni materne gravi non comuni, come il virus Ebola e la brucellosi, possono richiedere l’interruzione temporanea dell’allattamento al seno. 27

Farmaci e sostanze

Contraccezione nella madre che allatta

Le madri che allattano hanno una serie di opzioni per la contraccezione. Il metodo da lattazione ha dimostrato di essere altamente efficace se praticato in base a tre criteri specifici: 1) l’allattamento al seno esclusivo avviene senza supplementi di routine o ritardi nelle alimentazioni; 2) infantile è più giovane di sei mesi; e 3) mestruazioni non sono tornati (cioè nessun sanguinamento dopo 56 giorni dopo il parto). 32-34 In un’analisi Cochrane di 13 studi che hanno incontrato i criteri di inclusione, le percentuali di gravidanza a sei mesi variava da 0,45% al ​​2,45%. 35 In assenza di uno qualsiasi di questi tre criteri, questo metodo è inaffidabile e sono necessarie ulteriori precauzioni. Le madri che desiderano evitare i contraccettivi possono essere istruito nei metodi di consapevolezza della fertilità; tuttavia, mestruazioni possono rimanere irregolari durante l’allattamento, che si avvale di questi metodi più impegnativo.

opzioni contraccettive che può essere usato una volta il metodo di lattazione è inefficace includono metodi di barriera, dispositivi intrauterini (IUD), e contraccettivi ormonali. Il vantaggio principale di metodi di barriera (ad esempio, preservativi, diaframmi) è la mancanza di potenziali effetti negativi per l’lattante, mentre il loro svantaggio principale è l’efficacia inferiore. Essi possono avere il loro uso più come complemento amenorrea o consapevolezza di fertilità metodi di allattamento. Le membrane devono essere rimontati almeno sei settimane dopo il parto prima dell’uso. IUD di rame sono una scelta eccellente per le madri che allattano a causa della loro efficacia e basso rischio di effetti avversi nel neonato. Come nelle donne seno che non, non sono raccomandati per le donne con più partner o per coloro che hanno una storia di infezioni sessualmente trasmesse. 36

metodi ormonali possono essere prescritti per le madri che allattano, ma in genere non sono considerati come farmaci di prima linea, soprattutto nelle prime settimane dopo il parto prima della costituzione della produzione di latte materno. Gli studi suggeriscono che i metodi di solo progestinico, tra cui medrossiprogesterone acetato iniettabile, non diminuiscono la produzione di latte quando viene avviato dopo l’inizio della lattazione. 37 Tuttavia, molti rapporti aneddotici collegamento contraccettivi ormonali ad una diminuzione della produzione di latte, e una revisione Cochrane ha rilevato che i dati sono incoerenti e limitato. 38 In particolare, molti degli studi non considerano esclusività dell’allattamento al seno. metodi di solo progestinico tra cui la “mini-pillola,” iniettabili acetato depot medrossiprogesterone, etonorgestrel impianto sottocutaneo, e sono meglio avviati progestinici contenenti IUD dopo che la produzione di latte è ben consolidata. Se ci sono preoccupazioni per la produzione di latte, può essere meglio per iniziare con il mini-pillola, perché le altre forme non sono facilmente reversibili. Gli studi sugli effetti dei contraccettivi orali combinati sono di scarsa qualità e mostrano risultati inconsistenti per quanto riguarda gli effetti sulla allattamento al seno e aumento di peso infantile. 39 metodi ormonali è meglio evitare nelle madri con alimentazione latte a basso esistente o precedente, una storia di chirurgia del seno, parto gemellare o prematuro, o compromesso la salute materna e infantile. Le madri che scelgono di utilizzare i metodi ormonali dovrebbero essere incoraggiati ad allattare al seno, e la crescita infantile devono essere monitorati.

Tabacco e alcol

I bambini non dovrebbero essere esposti al fumo di sigaretta. I bambini di madri che fumano sigarette hanno elevati livelli di cotinina nelle urine rispetto ai figli di donne non fumatrici. allattamento che fumano passano una quantità significativa di cotinina attraverso il latte materno per il bambino, in modo che i livelli di cotinina del bambino sono superiori a quelli dei neonati esposti solo fumo passivo. 40-42 I bambini che sono allattati al seno subito dopo la loro fumi madre mostrano cambiamenti nei loro modelli di sonno e veglia. 42 L’allattamento al seno i neonati che condividono il letto con i genitori che fumano hanno un rischio maggiore di sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS). 43 L’allattamento al seno le donne che fumano sono a rischio di produzione di latte insufficiente a causa dell’effetto negativo della nicotina sui livelli di prolattina. 44 Le donne che allattano sono invitati a non fumare, ma se non riescono a smettere, è probabilmente ancora più prezioso per allattare, anche se devono essere avvisati di non fumare nell’ambiente del bambino, a fumare il meno possibile, e di fumare subito dopo infermieristico (piuttosto che prima) per ridurre al minimo i livelli di nicotina nel loro latte. Le donne che allattano possono utilizzare integratori nicotina per aiutare a smettere di fumare, anche se è meglio usare la dose più bassa possibile a causa degli effetti negativi della nicotina sul neonato e produzione di latte materno. 29

L’alcol passa facilmente nel latte materno, ma è anche cancellato dal latte materno stessa rapidità con cui viene cancellato dal flusso sanguigno. Anche se è più sicuro per le madri che allattano di consumare niente alcool, piccole quantità di alcol (ad esempio una porzione di vino o di birra al giorno) sembrano essere al sicuro. E ‘ideale per la madre di aspettare 2 a 2,5 ore dopo aver terminato di nuovo la bevanda alcolica di infermiere. 29

Tossine e sostanze inquinanti per l’alimentazione infantile

L’esposizione dei neonati a tossine e sostanze inquinanti avviene principalmente attraverso l’alimentazione e l’aria. L’allattamento al seno le donne senza specifiche note esposizioni tossiche professionali o di fatto di inquinanti può tuttavia essere trovato per avere una varietà di sostanze chimiche inquinanti nei loro corpi. 45 Alcune di queste sostanze chimiche possono essere trasferiti ai feti in utero e forse anche per i neonati dopo la nascita attraverso il latte materno, così come attraverso la formula e alimenti complementari.

Le donne che hanno l’esposizione ambientale media non hanno bisogno di preoccuparsi di avere il loro latte a screening per sostanze inquinanti. Per le donne che hanno conosciuto esposizioni velenose, la sperimentazione di latte materno può essere necessario. Il bisfenolo A (BPA) è una sostanza chimica comunemente usato per fare molte materie plastiche, tra cui biberon. Sono necessari ulteriori studi sugli effetti esatti di BPA negli esseri umani. esistono bottiglie BPA-free, ei genitori possono scegliere di usare quelli per limitare l’esposizione. 51

Oltre alle preoccupazioni per l’effetto delle tossine sui bambini, la considerazione deve essere data per l’effetto che le tossine ambientali, così come medico, biologico, e anche le tossine sociali, hanno sulla lattogenesi, una zona che ha avuto poco studio. 53

Sebbene la presenza di sostanze chimiche tossiche nell’ambiente fetale nell’uomo ‘e latte segnala l’urgente necessità di ridurre l’esposizione a questi inquinanti comunità, il peso delle prove indica che l’allattamento al seno rimane l’opzione più sana per le madri e neonati.

occupazione

I medici di famiglia hanno l’opportunità e la responsabilità di promuovere l’allattamento al seno nei luoghi di lavoro come leader della comunità, imprenditori, autorità di vigilanza, e / o dipendenti. La ricerca suggerisce che uno dei motivi principali per i tassi di allattamento bassi si trova nel mondo del lavoro e la mancanza di maternità retribuito lasciare negli Stati Uniti. 54 madri americane che hanno intenzione di continuare i loro posti di lavoro sono costretti a fare un tempo relativamente rapido ritorno al lavoro. La legge federale attualmente fornisce madri pause ragionevoli per estrarre il latte in un luogo privato non bagno per un anno dopo la nascita del bambino. 55

  • Minori spese mediche e crediti di assicurazione sanitaria per i dipendenti che allattano e dei loro bambini (fino a tre volte meno per l’allattamento al seno i dipendenti)
  • tassi di turnover ridotto (86% al 92% dei dipendenti di allattamento tornare al lavoro dopo il parto, quando è previsto un programma di sostegno allattamento rispetto alla media nazionale del 59%)
  • tassi di assenteismo più basse (fino alla metà del numero di assenze di un giorno)
  • Miglioramento della produttività
  • Maggiore il morale dei dipendenti e la lealtà verso l’azienda

Pompaggio, esprimere, e Istruzioni per la conservazione

Il latte materno può essere conservato in modo sicuro per periodi superiori sono stati raccomandati in precedenza. 58 Per le mamme con neonati a termine, di lavoro, il latte può essere conservato a temperatura ambiente per sei-otto ore, in un sacchetto più freddo isolato con impacchi di ghiaccio per 24 ore, e in frigorifero per un massimo di cinque giorni. Il latte può essere conservato in un congelatore per un massimo di sei mesi. Conservare il latte in un congelatore per un massimo di 12 mesi può essere accettabile. Piccole quantità di latte può essere aggiunto al latte precedentemente espresso, ma il latte fresco vengono refrigerate prima di aggiungere al già congelati latte. Camera dovrebbe essere lasciato nel contenitore per l’espansione durante il congelamento. 59

La supplementazione

L’integrazione può essere fatta con il latte materno espresso, latte umano pastorizzato da un donatore o latte artificiale. I metodi di integrazione includono alimentazione tazza, dito alimentazione con una siringa collegata ad un tubo di alimentazione, utilizzando un tubo di alimentazione supplementare al seno e biberon. Un metodo non è necessariamente più adatto di un altro, e la scelta del metodo dipende valutazione individuale della coppia madre-bambino. I genitori hanno bisogno di orientamento professionale, quando l’integrazione è necessaria, e la consultazione con un consulente per l’allattamento certificato o altro esperto professionista sanitario è raccomandato.

La luce del sole è stata storicamente la fonte primaria di vitamina D per gli esseri umani. madri umane e bambini ricevono molto meno esposizione al sole di quello che storicamente ha fatto a causa di stili di vita, le migrazioni, e l’evitare del sole urbano / interno o l’uso di filtri solari per prevenire il cancro della pelle. Il latte umano contiene bassi livelli di vitamina D, lasciando bambini allattati al seno, in particolare i bambini di pelle scura, ad aumentato rischio di rachitismo. Si raccomanda che tutti i bambini ricevano 400 UI di vitamina D al giorno a partire subito dopo la nascita. I bambini che ricevono 500 ml o più di vitamina alimenti per lattanti D-fortificato non hanno bisogno di ulteriore supplementazione di vitamina D. 62 Studi recenti suggeriscono che può essere possibile integrare madri allattamento ad un livello sufficientemente elevato per soddisfare le esigenze del neonato al seno attraverso il latte materno. 63 E ‘anche importante per integrare le donne in gravidanza in modo che i bambini sono nati con sufficienti livelli di vitamina D. 64

L’allattamento al seno e il neonato pretermine

Il periodo che segue la nascita di un neonato prematuro può essere schiacciante per le famiglie. La consulenza e il supporto di un medico di famiglia di fiducia può essere prezioso per i genitori che devono affrontare decisioni impreviste e numerose incertezze. Alcuni neonati prematuri relativamente maturi possono essere in grado di allattare al seno subito. I medici di famiglia in grado di fornire indicazioni immediate sul mantenimento della lattazione quando è richiesta la separazione madre-bambino.

La prova di una migliore tolleranza alimentare, precedenti feed enterale pieni, e diminuzione del rischio di malattie atopiche è stato incoerente fino ad oggi. Una meta-analisi di 20 studi ha concluso che l’allattamento al seno è associata a vantaggi cognitivi a lungo termine e che i neonati prematuri fonte di maggiori ricavi di neonati a termine. 69 Altri benefici per la salute a lungo termine da umana alimentazione il latte nel neonato pretermine comprendono diminuzione del rischio di sindrome metabolica e l’ipertensione 70. diminuita insulina e leptina resistenza 71. e bassi livelli di lipoproteine ​​a bassa densità. 72

Gli studi hanno dimostrato che i neonati prematuri mostrano una maggiore stabilità cardiaca e respiratoria durante l’allattamento piuttosto che l’allattamento artificiale. 74 Pertanto, inizio dell’allattamento al seno nei neonati prematuri non viene richiesta la capacità dimostrata di bottiglia di alimentazione. Oltre a promuovere la stabilità fisiologica nei neonati prematuri, pelle-a-pelle (vale a dire “la cura del canguro”) aumenta i tassi di produzione di latte e l’allattamento al seno materno. 75, 76

Le madri di neonati prematuri devono essere presentati con le informazioni sui benefici dell’allattamento al seno e latte umano per il neonato prematuro. Una donna che è riluttanti a fare un impegno a lungo termine per l’allattamento al seno può essere incoraggiati a infermiere o il colostro espresso e latte per il suo bambino fino alla dimissione ospedaliera. La madre di un neonato pretermine deve affrontare molte sfide, come la malattia infantile; separazione materno-infantile; difficoltà di alimentazione infantile al seno; la possibilità di pompaggio prolungato; e lo stress emotivo e fisico di giocoleria la cura della persona con altri impegni per la sua famiglia, il lavoro, e del neonato. Quando i medici di famiglia lavorano come parte di un team medico di neonatologi, infermieri, assistenti sociali, dietologi e consulenti per l’allattamento, possono essere efficaci nel sostenere l’avvio di successo e la continuazione dell’allattamento al seno del neonato pretermine.

L’allattamento al seno il Bambino tardo pretermine

I neonati nati a 35 a 37 settimane di gestazione hanno esigenze nutrizionali specifiche e richiedono il supporto di allattamento in più rispetto ai neonati che sono pieni termine. Questi bambini tendono a essere assonnato e sono ad alto rischio di non nutrire a sufficienza in modo efficace al seno per sostenere la crescita sufficiente. Questo aumenta il rischio di ipoglicemia e disidratazione. A causa della loro relativa immaturità, ma sono anche a rischio di ritardata escrezione della bilirubina epatica che porta a ittero. Questi bambini richiedono un monitoraggio di un adeguato apporto di latte materno e spesso hanno bisogno di supplementazione di colostro espresso o latte materno fino a quando non sono sufficientemente vigorosa al seno per mantenere la corretta crescita. 77

donatore latte

Ci sono 17 senza scopo di lucro banche del latte umano negli Stati Uniti e in Canada che sono membri della umana Milk Banking Association del Nord America, con quattro banche aggiuntivi in ​​fase di sviluppo (www.hmbana.org). Ogni banca del latte vaglia con attenzione i donatori e quindi pastorizza e distribuisce latte umano da donatori a una varietà di neonati e bambini popolazioni bisognose. Sopraelevata latte umano pastorizzato da donatori è stato trovato per essere sani e salvi nutrizionale per i bambini che non hanno accesso al latte della propria madre. 78, 79 Alcuni neonati prematuri, come quelli di peso inferiore a 1500 g (3 libbre, 4 oz), in genere bisogno la fortificazione di proteine ​​del latte donatore da banche per ottenere una crescita ottimale. 80, 81

Negli ultimi anni, una nuova tendenza di condivisione latte casuale è emerso tra alcune madri, in cui il latte non pastorizzato è condiviso con o venduti ad altre madri, senza il beneficio di screening medico. Uno studio ha trovato che il latte acquistato in forma anonima su Internet spesso è stato contaminato 82. se questi risultati possono non essere generalizzabili a situazioni in cui donatore e ricevente madri conoscono e di trasporto non è necessario. 83 Le madri accettare il latte da donatori non schermati devono essere avvertiti dei potenziali pericoli, compresa l’eventuale trasmissione del virus HIV, epatite e altre malattie infettive; sconosciuto igiene tecniche di raccolta e di stoccaggio; e sconosciuto storia farmacologica della madre donatrice. L’età e lo stato di salute del bambino destinatario dovrebbe anche essere presa in considerazione, e le madri dovrebbero prendere una decisione pienamente informata in loro situazione particolare, pesa il rischio di non schermato e non pastorizzato latte umano da un donatore contro i rischi di latte artificiale artificiale.

L’allattamento al seno Multipli

Le madri di gemelli e multipli di ordine superiore devono essere incoraggiati ad allattare. In madri altamente motivati ​​e quelli con un buon supporto, i tassi di allattamento al seno di iniziazione in gemelli possono essere alto come il 70% al 90%. 84, 85

Le madri di multipli avranno bisogno di un ulteriore sostegno per l’allattamento al seno. La maggior parte delle mamme possono allattare completamente gemelli. è stato segnalato il successo con triplette di allattamento al seno e anche le quartine. 86 Una preoccupazione costante circa i multipli di allattamento al seno è se ci sarà abbastanza alimentazione. Uno studio ha mostrato un adeguato approvvigionamento, con le madri di gemelli che producono il doppio del volume di latte con adeguata composizione dei nutrienti rispetto alle madri di single e madri di triplette in grado di produrre più di tre litri al giorno. 87 infermieri Wet in Francia nel 17 ° secolo sono stati segnalati per allattare tre a sei bambini, spesso di diverse età ed esigenze. 84 Incoraggiare poppate simultanee può essere utile per la madre che allatta di multipli, e la partecipazione a gruppi di sostegno può anche essere utile. 88

I medici devono riconoscere che, durante l’allattamento multipli è una sfida, con il supporto, può avere successo. Devono essere preparati a consigliare prima della consegna e sostenere l’allattamento con sicurezza di approvvigionamento adeguato, insieme con le solite raccomandazioni di un adeguato riposo, dieta nutriente, e la necessità di un supporto intensivo e di aiuto. I medici devono avere familiarità con le tecniche per aumentare la produzione di latte e riconoscere che anche l’allattamento al seno parziale è benefico.

L’allattamento al seno adottivo

I medici di famiglia, spesso la cura per i genitori adottivi. Il medico deve discutere con la madre adottiva la possibilità di allattare il suo bambino.

Un esperto medico o l’allattamento consulente può aiutare la madre a sviluppare una produzione di latte prima o dopo l’adozione. Il medico di famiglia, che sta sostenendo l’allattamento o induzione rilattazione dovrebbe iniziare il più presto possibile nel processo adottivo. Il medico dovrebbe facilitare l’immissione il neonato al seno il più presto possibile dopo la nascita del bambino adottato. 89

Infermieristica oltre l’infanzia

L’allattamento al seno il bambino di cura durante la gravidanza e dopo il parto del prossimo bambino (allattamento in tandem) può aiutare a fornire una transizione graduale psicologico per il bambino più grande. 5

Svezzamento

Il ruolo del medico di famiglia comporta la conoscenza della norma fisiologica per lo svezzamento e la fornitura di culturalmente sensibile guida preventiva e la consulenza alle madri e alle famiglie durante il processo. E ‘importante riconoscere e madri consigliare circa la differenza tra lo svezzamento e uno sciopero di cura, perché le madri possono fraintendere un seno brusco rifiuto, soprattutto in un bambino di età inferiore a un anno di età, come un segno che il bambino è pronto per lo svezzamento. E ‘anche importante evitare raccomandazioni inadeguate per lo svezzamento precoce per noncontraindications.

Se la madre decide di svezzare, può essere sostenuta per andare su di esso gradualmente a ridurre il rischio di congestione, collegato condotti, galattocele, la mastite, e ascesso del seno per se stessa; trauma emotivo per se stessa e il bambino; e il rischio di malattie infettive, la disidratazione e la malnutrizione nel bambino.

I farmaci per diminuire o fermare la produzione di latte non sono necessari e devono essere evitati. Se la madre è interessato, può essere incoraggiato a provare un parziale piuttosto che completo, lo svezzamento. In rari casi in cui è necessario lo svezzamento brusco, il parere di un consulente per l’allattamento dovrebbe essere cercato di ridurre al minimo i rischi. Indipendentemente dalle ragioni per lo svezzamento, sia prematura e improvvisa o graduale e madre-bambino o guidato, molte mamme si sentono un senso di dolore o perdita come finisce l’allattamento al seno. 97 Il medico di famiglia può fornire una guida preventiva e di sostegno per la madre e la famiglia durante questa fase.

Il ruolo del padre nel sostenere l’allattamento

Negli Stati Uniti, il ruolo del padre ha dimostrato di essere uno dei più potenti influenze sulla decisione della madre di allattare. 98-100 per sostenere ed aumentare l’allattamento al seno iniziare e continuare, l’opinione del padre, l’atteggiamento, e la conoscenza allattamento al seno e il suo rapporto con il suo bambino e la madre del bambino deve essere considerato. 101

Gran parte l’attenzione per sostegno all’allattamento al seno è in diade madre-bambino. Questa attenzione può portare alcuni padri di sentirsi escluso e risentita di allattamento al seno. 104 percezione negativa del padre di potenziali effetti negativi di allattamento sui rapporti sessuali o l’aspetto del seno può anche portare una alla madre di bottiglia di alimentazione. 104, 105

Sono state identificate cinque attributi principali di sostegno padre in relazione l’allattamento al seno: (1) la conoscenza sull’allattamento al seno; (2) atteggiamento positivo verso l’allattamento al seno; (3) coinvolgimento nel processo decisionale; (4) sostegno pratico; e (5) i medici support.108 emotivo familiari devono essere pronti a contribuire a sostenere questi attributi paterne, per istruire i padri sui benefici dell’allattamento al seno per la madre e il bambino, e per fugare ogni miti e false percezioni padri possono avere. Hanno bisogno di capire che quello che possono percepire i problemi, come ad esempio il dolore, la perdita di peso fisiologico infantile, ittero, baby pignoleria, e la frequenza delle poppate, soprattutto di notte, non necessitano di un interruttore di formula.

Adolescenti e allattamento al seno

Anche se le madri adolescenti condividono problemi con i loro coetanei per adulti, si trovano ad affrontare anche molte pressioni unici. Il medico di famiglia è ben posizionata per aiutare l’adolescente incinta e l’allattamento al seno e la sua famiglia. Tutte le madri adolescenti dovrebbero essere incoraggiati ad allattare. 109

L’allattamento al seno in alla popolazione bisognosa

Poco più di 25.000 madri che vivono in povertà non allattano al seno i loro bambini attraverso sei mesi di età a causa di esigenze di lavoro severi sotto l’assistenza temporanea al programma di famiglie bisognose. 117 Stime prudenti indicano che un gruppo di sovrapposizione di 16.500 madri che vivono in condizioni di povertà probabilmente allattare a seguito delle disposizioni ACA, in parte correggere alcuni degli effetti della riforma del welfare. 113

Problemi di Razza e cultura

sottogruppi etnici all’interno della società Stati Uniti devono affrontare anche gli ostacoli significativi per l’allattamento al seno, anche se l’economia non è un fattore. immigrati di prima generazione provenienti da paesi in cui l’allattamento al seno è la norma hanno maggiori probabilità di allattare di quanto lo siano le donne di seconda e successivamente generazione. Questo può essere causa di convenienza, la fede nella moderna tecnologia alimentare, e tenta di acculturare in una società in cui l’allattamento artificiale è percepito essere la norma. Così, modelli di ruolo l’allattamento al seno si perdono con le generazioni successive. Inoltre, accurate informazioni allattamento al seno è meno disponibile nelle lingue delle minoranze etniche più piccole. consulenti per l’allattamento Pochi o altri operatori sanitari sono in grado di aiutare le donne che parlano lingue diverse dall’inglese o spagnolo. Alcuni gruppi etnici e culturali sono sottorappresentate nel campo consulente per l’allattamento. Molte culture hanno credenze uniche circa l’allattamento, tra rituali per quanto riguarda la produzione di latte, le preoccupazioni circa il colostro, tabù sessuali, e le credenze in merito a Wet-infermieristico. 118 Queste credenze devono essere prese in considerazione quando la consulenza pazienti circa il processo di lattazione.

I medici di famiglia possono promuovere l’allattamento tra i loro pazienti di varie etnie e livelli socio-economici in diversi modi, tra cui:

  • Imparare a conoscere la struttura della famiglia dei loro pazienti. Sostegno da membri della famiglia chiave può aiutare notevolmente nella promozione dell’allattamento al seno. Questo spesso include il padre e la nonna materna del bambino, ma potrebbe anche includere un decisore famiglia di codici, come il patriarca o della nonna paterna.
  • Garantire che i genitori provenienti da diverse culture capire l’importanza dell’allattamento al seno per la crescita e lo sviluppo dei loro figli
  • Rispetto delle tradizioni culturali e tabù connessi con l’allattamento e l’adattamento credenze culturali per facilitare l’allattamento al seno ottimale, mentre con sensibilità educare le tradizioni che può essere dannoso per l’allattamento al seno
  • Incoraggiare l’allattamento esclusivo in ospedale in un modo culturalmente sensibile
  • Fornendo tutte le informazioni e le istruzioni, quando possibile, nella lingua madre della madre in un modo culturalmente rilevante e la valutazione per il livello di alfabetizzazione, se del caso
  • Comprendere le specifiche, il lavoro, e gli ostacoli in tempo finanziari l’allattamento al seno, lavorando con le famiglie per superarli, e prevedendo i mezzi specifici per affrontare gli ostacoli
  • Essere consapevoli del ruolo dei propri atteggiamenti culturali personali del medico quando si interagisce con i pazienti

questioni militari

madri militari hanno molti problemi in comune con altre madri lavoratori, ma anche di fronte alcune sfide uniche. Non c’è un Dipartimento della Difesa politica globale sull’allattamento al seno, ma la maggior parte dei rami del servizio hanno un certo tipo di istruzione per quanto riguarda le donne in servizio attivo e l’allattamento al seno.
L’ambiente militare offre sfide uniche a servicewomen allattamento. In generale, le madri in servizio attivo possono tornare al lavoro sei settimane dopo il parto, e le madri sono schierabili quattro mesi dopo il parto. In collaborazione con il proprio medico di famiglia, servicewomen possono richiedere estensioni medici quando indicazione medica. Un’altra sfida è la varietà di risorse, sostegno, tempo e fattori ambientali che variano da comando a comando. Nell’ambiente militari, l’atteggiamento dei capi, come i comandanti del personale, sono importanti per il successo di qualsiasi programma di allattamento al seno. I medici di famiglia devono essere consapevoli delle sfide uniche affrontano queste famiglie ed essere coinvolti attivamente nel lavorare con i militari per istruire i comandanti, supervisori e colleghi sui benefici dell’allattamento al seno e come sostenere la manutenzione di allattamento al seno.

Famiglia Medici e allattamento al seno Advocacy

I medici di famiglia hanno molte opportunità di sostenere per l’allattamento al seno e sostenere perché si preoccupano per tutti i membri della famiglia, e spesso la famiglia estesa, e la pratica in una varietà di ambienti di comunità. I medici di famiglia che forniscono assistenza alla maternità in grado di sostenere e supportare l’allattamento al seno prima del concepimento, durante la gravidanza, e dopo il parto; nessun altra specialità ha questa opportunità unica.
I medici di famiglia possono servire come l’allattamento al seno sostenitori in studi medici, ospedali, formazione di residenza, scuole mediche, centri di parto, luoghi di lavoro, legislature, e compagnie di assicurazione.

La AAFP approva le “Dieci l’allattamento al seno” per fare gli ospedali e il personale più che allattano gentile (vedi Appendice 6). 119 Questi 10 punti sono il nucleo della Baby Friendly Hospital Initiative (BFHI). Mentre le strutture BFHI-designati hanno dimostrato di aumentare i tassi di allattamento al seno, l’allattamento al seno di successo richiede prenatale e post-parto educazione e sostegno. 120 medici di famiglia possono svolgere un ruolo importante per aiutare la loro struttura ospedaliera o parto attuare le disposizioni dei 10 passi e alla fine cercano BFHI designazione “Baby-Friendly”.

I medici di famiglia dovrebbero sostenere e sostenere per le politiche di sanità pubblica e di ricerca che farebbe aumentare i tassi di allattamento. sforzi legislativi recenti di stati hanno assicurato la protezione per le madri che allattano. 125, 126 medici di famiglia dovrebbero promuovere una legislazione attivamente e fornire testimonianza che incoraggia la facilità, la sicurezza, e la sicurezza di allattamento al seno a richiesta. Anche se un individuo medico di famiglia non è in grado di essere coinvolti in tutte le aree di sostegno per l’allattamento al seno, i medici di famiglia che lavorano insieme come gruppo o attraverso le loro accademie statali possono diventare sostenitori efficaci per l’allattamento al seno i pazienti. I medici di famiglia devono sostenere e partecipare con la ricerca l’allattamento al seno legati volti ad aumentare i modelli didattici innovativi nei programmi di formazione.

In difesa per le questioni allattamento legate alla copertura assicurativa e sul posto di lavoro i cambiamenti, i benefici economici dell’allattamento al seno sono punti essenziali. Diversi studi hanno dimostrato un aumento sostanziale dei costi per le famiglie, le comunità, i sistemi di assistenza sanitaria, e datori di lavoro quando i bambini non vengono allattati al seno. 127-129 I medici devono essere consapevoli di questi dati per essere sostenitori efficaci nel promuovere il cambiamento nelle politiche per quanto riguarda l’allattamento al seno.

I medici di famiglia sono attivi e influenti nelle loro comunità. Proiettando un atteggiamento positivo verso l’allattamento al seno in ufficio e la comunità, possono influenzare fortemente la decisione di un paziente di allattare al seno. Gli Stati Uniti Preventive Services Task Force raccomanda strutturata educazione al seno e di consulenza per migliorare i tassi di allattamento al seno. 130 medici di famiglia rappresentano un patrimonio di educazione del paziente nei loro uffici. Come parte della loro educazione alla salute e attività di promozione nelle scuole, i medici di famiglia dovrebbero incorporare l’allattamento al seno nella loro formazione per ragazzi e ragazze. Rendere l’istruzione allattamento a disposizione di tutti i membri della famiglia e della comunità farà l’allattamento al seno la norma comunitaria.

Riferimenti

  1. McCabe, L. et al. La gestione di allattamento al seno tra i neonati affetti da fenilchetonuria. J Inherit Metab Dis, 1989. 12 (4): 467-474.
  2. Lamonica, D.A. et al. L’allattamento al seno di follow-up per il trattamento di bambini affetti da fenilchetonuria. J Soc Bras Fonoaudiol, 2012. 24 (4): 386-389.
  3. Riva, E. et al. l’allattamento al seno precoce è legata alla intelligenza superiore punteggi quoziente in dietetici bambini fenilchetonurici trattati. Acta Paediatr, 1996. 85 (1): 56-58.
  4. Odom, E.C. et al. Motivi per prima di quanto la cessazione desiderato di allattamento al seno. Pediatrics, 2013. 131 (3): e726-732.
  5. Lawrence, R.A. e R.M. Lawrence, eds. L’allattamento al seno: una guida per la professione medica. 7 ° ed. 2011, Elsevier Mosby: Maryland Heights, MO.
  6. Montgomery, A. e T.W. Hale, ABM protocollo clinico # 15: analgesia e anestesia per la mamma che allatta, rivisto 2012. Allattare Med, 2012. 7 (6): 547-553.
  7. Hale, T.W. Farmaci e latte materno. 15 ° ed. 2012, Amarillo, TX: Hale Publishing.
  8. Siegel, J. Guida per diagnostica Medicina Nucleare. Nuclear Regulatory regolamento della Commissione di Medicina Nucleare 2001.
  9. American College of Radiology, manuale ACR su mezzi di contrasto; La somministrazione di mezzi di contrasto per donne che allattano. 2010. http://www.infantrisk.com/sites/default/files/files/Radiocontrast%20Breastfeeding.pdf (www.infantrisk.com)
  10. Stabin, M.G. e H.B. Breitz, latte materno escrezione di radiofarmaci: meccanismi, i risultati, e dosimetria delle radiazioni. J Med Nucl, 2000. 41 (5): 863-873.
  11. Hurst, N. allattamento al seno dopo l’aumento del seno. J Hum Lact, 2003. 19 (1): 70-71.
  12. Neifert, M.R. e J.M. Seacat, Allattamento insufficienza: un approccio razionale. Nascita, 1987. 14 (4): 182-190.
  13. Neifert, M. et al. L’influenza di un intervento chirurgico al seno, l’aspetto del seno, e cambiamenti del seno indotta dalla gravidanza in allattamento sufficienza come misurato da un aumento di peso infantile. Nascita, 1990. 17 (1): 31-38.
  14. Cruz, N.I. e L. Korchin, allattamento al seno dopo l’aumento mastoplastica con protesi saline. Ann Plast Surg, 2010. 64 (5): 530-533.
  15. Brzozowski, D. et al. L’allattamento al seno dopo la mastoplastica riduttiva peduncolo inferiore. Plast Reconstr Surg, 2000. 105 (2): 530-534.
  16. Harris, L. S.F. Morris, e A. Freiberg, sta alimentando possibile seno dopo mastoplastica riduttiva? Plast Reconstr Surg, 1992. 89 (5): 836-839.
  17. Sinno, H. E. Botros, e R. Moufarrege, Gli effetti di Moufarrege totale posteriore peduncolo mastoplastica riduttiva sull’allattamento al seno: una revisione di 931 casi. Aesthet Surg J, 2013. 33 (7): 1002-1007.
  18. Espinosa, L.A. et al. Il seno allattamento: mdc RM di tessuto normale e il cancro. Radiology, 2005. 237 (2): 429-436.
  19. Helewa, M. et al. Il cancro al seno, la gravidanza, l’allattamento al seno e. J Obstet Gynaecol Can, 2002. 24 (2): 164-180; quiz 181-164.
  20. Shapiro, R.L. et al. regimi antiretrovirali durante la gravidanza e l’allattamento al seno in Botswana. N Engl J Med, 2010. 362 (24): 2282-2294.
  21. Chasela, c.s. et al. Materna o farmaci antiretrovirali infantile per ridurre la trasmissione di HIV-1. N Engl J Med, 2010. 362 (24): 2271-2281.
  22. Goncalves, D.U. et al. Epidemiologia, il trattamento e la prevenzione delle malattie umane a cellule T virus della leucemia di tipo 1-associati. Clin Microbiol Rev, 2010. 23 (3): 577-589.
  23. Arroyo Carrera, I. et al. Probabile trasmissione della brucellosi dal latte materno. J Trop Pediatr, 2006. 52 (5): 380-381.
  24. Pickering, L.K. C.J. Baker, e D.W. Kimberlin, eds. Tubercolosi. Red Book: Rapporto 2012 del Comitato delle malattie infettive. ed 29. 2012, American Academy of Pediatrics.
  25. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Epatite B e C infezioni. L’allattamento al seno: le malattie; Disponibile da: http://www.cdc.gov/breastfeeding/disease/hepatitis.htm (www.cdc.gov).
  26. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. 2009 Influenza H1N1 (influenza suina) ADN l’alimentazione del bambino: Quello che i genitori dovrebbero sapere. 2009 20 luglio 2014]; Disponibile da: http://www.cdc.gov/h1n1flu/infantfeeding.htm (www.cdc.gov).
  27. Lawrence, R.M. Le circostanze in cui l’allattamento al seno è controindicato. Pediatr Clin North Am, 2013. 60 (1): 295-318.
  28. Harding, L.K. et al. Raccomandazioni per i medici di medicina nucleare per quanto riguarda le madri che allattano. European Journal of Nuclear Medicine, 1995. 22 (5): BP17-BP17.
  29. National Library of Medicine TOXNET Toxicology Data Network. I farmaci e l’allattamento. 2-14 20 luglio 2014]; Disponibile da: http://toxnet.nlm.nih.gov/newtoxnet/lactmed.htm (toxnet.nlm.nih.gov).
  30. Nizza, F.J. e in corrente alternata Luo, Farmaci e allattamento: concetti attuali. J Am Pharm Assoc (2003), 2012. 52 (1): 86-94.
  31. Aljazaf, K. et al. Pseudoefedrina: effetti sulla produzione di latte nelle donne e stima dell’esposizione infantile tramite il latte materno. Br J Clin Pharmacol, 2003. 56 (1): 18-24.
  32. L’allattamento al seno come metodo di pianificazione familiare. Lancet, 1988. 2 (8621): 1204-1205.
  33. Labbok, M.H. et al. studio multicentrico della Lactational amenorrea Method (LAM): I. di efficacia, la durata, e le implicazioni per l’applicazione clinica. Contraccezione, 1997. 55 (6): 327-336.
  34. Panzetta, S. e J. Shawe, metodo di amenorrea Lactational: la prova è lì, perché non stiamo usando? J Fam Plann Reprod Health Care, 2013. 39 (2): 136-138.
  35. Van der Wijden, C. J. Kleijnen, e T. Van den Berk, lattazione per la pianificazione familiare. Cochrane Database Syst Rev 2003 (4): Cd001329.
  36. Organizzazione Mondiale della Sanità, criteri medici di ammissibilità per Contraceptive Use. 2010 http://www.who.int/reproductivehealth/publications/family_planning/9789241563888/en/ (www.who.int)
  37. Kapp, N. K. Curtis, e K. Nanda, base di solo progestinico uso di contraccettivi tra le donne che allattano: una revisione sistematica. Contraccezione, 2010. 82 (1): 17-37.
  38. Truitt, S.T. et al. In combinazione ormonale contro nonhormonal contro la contraccezione di solo progestinico in lattazione. Cochrane Database Syst Rev 2003 (2): Cd003988.
  39. Kapp, N. e K.M. Curtis, combinata uso di contraccettivi orali nelle donne che allattano al seno: una revisione sistematica. Contraccezione, 2010. 82 (1): 10-16.
  40. Becker, A.B. et al. L’allattamento al seno e l’esposizione ambientale al fumo di tabacco. Arch Pediatr Adolesc Med, 1999. 153 (7): 689-691.
  41. Mascola, M.A. et al. L’esposizione dei bambini piccoli al fumo passivo: l’allattamento al seno tra le madri fumatrici. Am J Public Health, 1998. 88 (6): 893-896.
  42. Primo, C.C. et al. Effetti della nicotina materno sui bambini che allattano. Rev Paul Pediatr, 2013. 31 (3): 392-397.
  43. Lahr, M.B. K.D. Rosenberg, e J.A. Lapidus, Bedsharing e fumo materno in un sondaggio basato sulla popolazione di neo mamme. Pediatrics, 2005. 116 (4): e530-542.
  44. Bahadori, B. et al. Ipotesi: il fumo riduce la durata allattamento sopprimendo la secrezione di prolattina. Med ipotesi, 2013. 81 (4): 582-586.
  45. Wang, R.Y. e L.L. Needham, sostanze chimiche ambientali: dall’ambiente al cibo, al latte materno, per il neonato. J Toxicol Environ Salute B Crit Rev, 2007. 10 (8): 597-609.
  46. Bhatia, J. e F. Greer, L’uso di formule a base di proteine ​​di soia per l’alimentazione infantile. Pediatrics, 2008. 121 (5): 1062-1068.
  47. Kim, S.R. R.U. Halden, e T.J. Buckley, composti organici volatili nel latte umano: metodi e misure. Environ Sci Technol, 2007. 41 (5): 1662-1667.
  48. Geraghty, S.R. et al. Segnalazione singoli risultati dei test di sostanze chimiche ambientali nel latte materno: il potenziale per lo svezzamento precoce. Allattare Med, 2008. 3 (4): 207-213.
  49. American Academy of Pediatrics comitato sulla salute ambientale, Handbook of Pediatric salute ambientale. 1996 Elk Grove Village, IL: American Academy of Pediatrics.
  50. Frank, J.W. e J. Newman, allattamento al seno in un mondo inquinato: rischi incerti, vantaggi evidenti. Cmaj, 1993. 149 (1): 33-37.
  51. Maragou, N.C. et al. La migrazione di bisfenolo A dai biberon in policarbonato, in condizioni di utilizzo reali. Il cibo Addit Contam parte A Chem anale controllo Expo Rischio Valutare, 2008. 25 (3): 373-383.
  52. Stati Uniti Food and Drug Administration, FDA e EPA bozza problema aggiornati consigli per il consumo di pesce. Comunicato stampa. 2014. http://www.fda.gov/newsevents/newsroom/pressannouncements/ucm397929.htm (www.fda.gov)
  53. Chin, N.P. tossine ambientali: fisici, sociali ed emotive. Allattare Med, 2010. 5 (5): 223-224.
  54. McGill Istituto per la salute e delle politiche sociali. Alzare il Piano Globale: Adulto lavoro, di un database mondiale i diritti legali, Stati Uniti. 2014 22 luglio 2014]; Disponibile da: http://raisingtheglobalfloor.org/policies/single-country-1.php?country=United+States+of+America (raisingtheglobalfloor.org).
  55. Stati Uniti Dipartimento del Lavoro, Tempo di pausa per l’allattamento madri. 2010. http://www.dol.gov/whd/nursingmothers/ (www.dol.gov)
  56. Stati Uniti Dipartimento di Salute e Servizi Umani, O.o.W.s.H. Business Case per l’allattamento. http://www.womenshealth.gov/breastfeeding/government-in-action/business-case.html (www.womenshealth.gov)
  57. Stati Uniti Dipartimento di Salute e Servizi Umani, O.o.W.s.H. Business Case per l’allattamento al seno: semplici passi per sostenere l’allattamento dipendenti.
  58. Hamosh, M. et al. L’allattamento al seno e la madre di lavoro: effetto del tempo e della temperatura di conservazione a breve termine sulla proteolisi, lipolisi, e la crescita batterica nel latte. Pediatrics, 1996. 97 (4): 492-498.
  59. Eglash, A. ABM protocollo clinico # 8: le informazioni di stoccaggio latte materno per uso domestico per neonati a termine (protocollo originale marzo 2004; revisione 1 ° marzo 2010). Allattare Med, 2010. 5 (3): 127-130.
  60. Organizzazione Mondiale della Sanità l’UNICEF, ragioni mediche accettabili per l’uso di sostituti del latte materno. 2009. http://www.who.int/nutrition/publications/infantfeeding/WHO_NMH_NHD_09.01/en/ (www.who.int)
  61. ABM protocollo clinico # 3: linee guida ospedaliere per l’uso di alimentazioni supplementari in termini allattato al seno il neonato sano, rivisto 2009. Allattare Med, 2009. 4 (3): 175-182.
  62. Wagner, C.I. e F.R. Greer, prevenzione del rachitismo e deficit di vitamina D nei neonati, bambini e adolescenti. Pediatrics, 2008. 122 (5): 1142-1152.
  63. Haggerty, L.L. materna supplementazione per la prevenzione e il trattamento del deficit di vitamina D nei bambini allattati esclusivamente al seno. Allattare Med, 2011. 6 (3): 137-144.
  64. Grant, C.C. et al. La vitamina D durante la gravidanza e l’infanzia e siero infantile concentrazione di 25-idrossivitamina D. Pediatrics, 2014. 133 (1): e143-153.
  65. Isaacs, E.B. et al. Impatto del latte materno sul quoziente di intelligenza, le dimensioni del cervello, e lo sviluppo della sostanza bianca. Pediatr Res, 2010. 67 (4): 357-362.
  66. Schanler, R.J. R.J. Shulman, e C. Lau, strategie di alimentazione per i neonati prematuri: risultati positivi di alimentazione fortificato latte umano rispetto formula pretermine. Pediatrics, 1999. 103 (6 Pt 1): 1150-1157.
  67. DiBiasie, revisione Evidence-based A. della retinopatia della prematurità prevenzione nei neonati VLBW e ELBW. Neonatale Netw, 2006. 25 (6): 393-403.
  68. Quigley, M. e W. McGuire, Formula contro il latte materno dei donatori per l’alimentazione dei neonati pretermine o basso peso alla nascita. Cochrane Database Syst Rev, 2014. 4: Cd002971.
  69. Anderson, J.W. B.M. Johnstone, e D.T. Remley, l’allattamento e lo sviluppo cognitivo: una meta-analisi. Am J Clin Nutr, 1999 70 (4): 525-535.
  70. Singhal, A. T.J. Cole, e A. Lucas, la nutrizione precoce nei neonati pretermine e la pressione arteriosa in seguito: due coorti dopo studi randomizzati. Lancet, 2001. 357 (9254): 413-419.
  71. Singhal, A. et al. Le concentrazioni di nutrizione e di leptina primi anni di vita in seguito. Am J Clin Nutr, 2002. 75 (6): 993-999.
  72. Singhal, A. et al. somministrare il latte materno e il profilo delle lipoproteine ​​negli adolescenti nati pretermine: il follow-up di uno studio prospettico randomizzato. Lancet, 2004. 363 (9421): 1571-1578.
  73. Vohr, B.R. et al. Effetti benefici del latte materno nel reparto di terapia intensiva neonatale sul risultato dello sviluppo dei neonati estremamente basso peso alla nascita a 18 mesi di età. Pediatrics, 2006. 118 (1): e115-123.
  74. Meier, P. di bottiglia e allattamento: effetti sulla transcutanea pressione di ossigeno e la temperatura nei neonati pretermine. Nurs Res, 1988. 37 (1): 36-41.
  75. Nasello-Brooks, S.J. e G.C. Anderson, cura canguro e l’allattamento al seno della madre-pretermine diadi neonato 0-18 mesi: uno studio randomizzato e controllato. Neonatale Netw, 2008. 27 (3): 151-159.
  76. Moore, É.R. et al. All’inizio contatto pelle a pelle per le madri ei loro neonati sani. Cochrane Database Syst Rev, 2012. 5: Cd003519.
  77. ABM protocollo clinico # 10: l’allattamento al seno il neonato pretermine in ritardo (34 (0/7) a 36 (6/7) settimane di gestazione) (prima revisione giugno 2011). Allattare Med, 2011. 6 (3): 151-156.
  78. Henderson, G. M.Y. Antonio, e W. McGuire, latte in polvere contro il latte materno materno per pretermine alimentazione o neonati basso peso alla nascita. Cochrane Database Syst Rev 2007 (4): Cd002972.
  79. Tanaka, A. et al. l’escrezione frazionale di sodio, osmolalità urinaria e peso specifico nei neonati prematuri alimentati con donatore fortificato latte umano. J Pediatr (Rio J), 2006. 82 (5): 335-340.
  80. Arslanoglu, S. G.E. Moro, e e.e. Ziegler, fortificazione regolabile di latte umano alimentato a neonati pretermine: vuol fare la differenza? J Perinatol, 2006. 26 (10): 614-621.
  81. Adamkin, D.H. e P.G. Radmacher, fortificazione del latte materno nei neonati di peso molto basso alla nascita (VLBW lt; 1500 g peso alla nascita). Clin Perinatol, 2014. 41 (2): 405-421.
  82. Keim, S.A. et al. La contaminazione microbica del latte umano acquistato via Internet. Pediatrics, 2013. 132 (5): e1227-1235.
  83. Steube, A.M. e K.D. Gribble, le differenze tra le vendite di latte online e peer-to-peer di condivisione di latte. Pediatrics 2014.
  84. Flidel-Rimon, O. e E.S. Shinwell, allattamento gemelli e alti multipli. Arch Dis Child Fetal Neonatal Ed, 2006. 91 (5): F377-380.
  85. Gromada, K.K. e A.K. Spangler, gemelli allattamento al seno e multipli di ordine superiore. J Obstet Gynecol neonatali Nurs, 1998. 27 (4): 441-449.
  86. Mead, L.J. et al. L’allattamento al seno con successo quartine pretermine. J Obstet Gynecol neonatali Nurs, 1992. 21 (3): 221-227.
  87. Santo, L. P. Maggiore, e a.e. Hartmann, resa e contenuto di nutrienti del latte in otto donne che allattano gemelli e una donna triplette allattamento al seno. Br J Nutr, 1986. 56 (1): 49-58.
  88. Gromada, K.K. Mothering Multipli: allattamento al seno e cura per gemelli e altro ancora. 1999 Schaumberg, IL: La Leche League, Int.
  89. Bryant, C.A. Nursing il bambino adottato. J Am Consiglio Fam Med, 2006. 19 (4): 374-379.
  90. Brown, T.E. et al. Effetto della parità sulla risposta della prolattina pituitaria per metoclopramide e domperidone: implicazioni per il miglioramento della lattazione. J Soc Gynecol investig, 2000. 7 (1): 65-69.
  91. Auerbach, K.G. e J.L. Avery, indotto l’allattamento. Uno studio della cura adottiva da 240 donne. Am J Dis Child, 1981. 135 (4): 340-343.
  92. Dettwyler, K.A. Un tempo per svezzare: The Blueprint Hominid per l’età naturale di svezzamento in popolazioni moderne. L’allattamento al seno: Perspectives bioculturale, ed. P. Stewart-MacAdam e K.A. Dettwyler. 1995 New York: Aldine deGruyter.
  93. Goldman, A.S. R.M. Goldblum, e C. Garza, componenti immunologici nel latte umano durante il secondo anno di lattazione. Acta Paediatr Scand, 1983. 72 (3): 461-462.
  94. Perrin, M. latte umano dopo il primo anno: perché preoccuparsi. U.d.p.a.t.C.o.t.H.M.B.A.o.N. America, Editor. Il 2014.
  95. Fergusson, D.M. L.J. Horwood, e F.T. Shannon, allattamento al seno e il successivo adattamento sociale in sei a otto anni i bambini. J Child Psychol Psychiatry, 1987. 28 (3): 379-386.
  96. Il cancro al seno e l’allattamento al seno: rianalisi collaborativa di dati individuali da 47 studi epidemiologici in 30 paesi, tra cui 50302 donne con cancro al seno e 96973 donne senza la malattia. Lancet, 2002. 360 (9328): 187-195.
  97. Wight, N.E. Gestione dei problemi comuni di allattamento al seno. Pediatr Clin North Am, 2001. 48 (2): 321-344.
  98. Littman, H. S.V. Medendorp, e J. Goldfarb, la decisione di allattare. L’importanza di approvazione del padre. Clin Pediatr (Phila), 1994. 33 (4): 214-219.
  99. Sharma, M. e R. Petosa, impatto dei padri in attesa di decisioni allattamento. J Am Diet Assoc, 1997. 97 (11): 1311-1313.
  100. Scott, J.A. C.W. Binns, e R.A. Aroni, l’influenza degli atteggiamenti paterni riportati sulla decisione di allattare al seno. J Paediatr Child Health, 1997. 33 (4): 305-307.
  101. Brown, A. e R. Davies, le esperienze dei padri del seno sostegno: le sfide per la promozione allattamento al seno e l’istruzione. Matern Bambino Nutr 2014.
  102. Scott, J.A. et al. I fattori psicosociali associati con l’abbandono dell’allattamento al seno prima della dimissione ospedaliera. J Hum Lact, 2001. 17 (1): 24-30.
  103. Liberato, G.L. J.K. Fraley, e R.J. Schanler, Accuratezza di “previsioni di padri madri incinte atteggiamenti riguardanti l’allattamento al seno. J Fam Pract, 1993. 37 (2): 148-152.
  104. Jordan, P.L. e V.R. Muro, Sostenere il padre quando un bambino viene allattato al seno. J Hum Lact, 1993. 9 (1): 31-34.
  105. Liberato, G.L. T.M. Jones, e R.J. Schanler, la determinazione prenatale di fattori demografici e attitudinali per quanto riguarda la pratica di alimentazione in una popolazione indigente. Am J Perinatol, 1992. 9 (5-6): 420-424.
  106. Giugliani, É.R. et al. Sono padri pronti a incoraggiare i loro partner di allattare al seno? Uno studio sulla conoscenza padri di allattamento al seno. Acta Paediatr, 1994. 83 (11): 1127-1131.
  107. Susin, L.R. et al. Ha conoscenza allattamento al seno dei genitori ad aumentare i tassi di allattamento? Nascita, 1999. 26 (3): 149-156.
  108. Sherriff, N. C. Panton, e V. Hall, un nuovo modello di padre di sostegno per promuovere l’allattamento al seno. Comunità Pract, 2014. 87 (5): 20-24.
  109. Pinzon, J.L. e V.F. Jones, cura dei genitori adolescenti e dei loro figli. Pediatrics, 2012. 130 (6): e1743-1756.
  110. Bica, O.C. e É.R. Giugliani, Influenza delle sessioni di consulenza sulla prevalenza dell’allattamento al seno nel primo anno di vita: uno studio clinico randomizzato con le madri e le nonne adolescenti. Nascita, 2014. 41 (1): 39-45.
  111. Nelson, A.M. atteggiamenti adolescenti, credenze e preoccupazioni per quanto riguarda l’allattamento al seno. MCN Am J Matern Child Nurs, 2009. 34 (4): 249-255.
  112. Feldman-inverno, L. e U. Shaikh, Ottimizzazione promozione dell’allattamento al seno e il sostegno a madri adolescenti. J Hum Lact, 2007. 23 (4): 362-367.
  113. Drago, R. J. Hayes, e Y. Yi. La chiamata giusta: L’allattamento al seno Dormire sotto Affordable Care Act. 2011.
  114. Stati Uniti Dipartimento di Salute e Servizi Umani, chiamata del Surgeon General di azione per sostenere l’allattamento. 2011. http://www.surgeongeneral.gov/library/calls/breastfeeding/calltoactiontosupportbreastfeeding.pdf (www.surgeongeneral.gov)
  115. Centers for Disease Control and Prevention, allattamento al seno Report Card 2013, Stati Uniti. 2013. http://www.cdc.gov/breastfeeding/pdf/2013breastfeedingreportcard.pdf (www.cdc.gov)
  116. Stati Uniti Census Bureau. Current Population Survey annuale di sociale e supplment economico (CPS ASEC). 20 Luglio 2014]; Disponibile da: https://www.census.gov/hhes/www/poverty/publications/pubs-cps.html (www.census.gov).
  117. Haider, S.J. A. Jacknowitz, e R.F. Schoeni, requisiti di benessere di lavoro e bambino benessere: evidenza dagli effetti su allattamento al seno. Demografia, 2003. 40 (3): 479-497.
  118. Morse, J.M. "Euch, quelli sono per tuo marito!" esame dei valori culturali e le ipotesi associati con l’allattamento al seno. Health Care donne Int, 1990. 11 (2): 223-232.
  119. American Academy of Family Physicians, Stati Uniti L’allattamento al seno Health Initiative, dieci passi e dei criteri. AAFP Consiglio Approvazione del Documento gruppo di esperti del 1994.
  120. Organizzazione Mondiale della Sanità, Prove per i dieci l’allattamento al seno. 1998. http://www.who.int/maternal_child_adolescent/documents/9241591544/en/ (www.who.int)
  121. Guise, J.M. et al. L’efficacia degli interventi di assistenza a base primaria per promuovere l’allattamento al seno: revisione sistematica prove e meta-analisi per la US Preventive Services Task Force. Ann Fam Med, 2003. 1 (2): 70-78.
  122. Valdes, V. et al. supporto clinico può fare la differenza nel successo allattamento esclusivo al seno tra le donne che lavorano. J Trop Pediatr, 2000. 46 (3): 149-154.
  123. Howard, F.M. C.R. Howard, e M. Weitzman, il medico come inserzionista: l’abbattimento non intenzionale di allattamento al seno. Obstet Gynecol, 1993. 81 (6): 1048-1051.
  124. Grawey, A.E. K.A. Marinelli, e A.V. Holmes, ABM protocollo clinico # 14: L’allattamento al seno ufficio-friendly del medico: ottimizzare la cura per i neonati e bambini, rivisto 2013. Allattare Med, 2013. 8: 237-242.
  125. Chang, K. e D.L. Spatz, La famiglia & leggi l’allattamento al seno: cosa infermieri bisogno di sapere. MCN Am J Matern Bambino Nurs, 2006. 31 (4): 224-230; quiz 231-222.
  126. Conferenza Nazionale dei legislatori statali. Le leggi allattamento al seno Stato. 2014 20 luglio 2014]; Disponibile da: http://www.ncsl.org/research/health/breastfeeding-state-laws.aspx (www.ncsl.org).
  127. Ryan, A.S. e G.A. Martinez, allattamento al seno e la madre di lavoro: un profilo. Pediatrics, 1989. 83 (4): 524-531.
  128. Palla, T.M. e A.L. Wright, i costi di assistenza sanitaria di formula-alimentazione nel primo anno di vita. Pediatrics, 1999. 103 (4 Pt 2): 870-876.
  129. Bartick, M.C. et al. Analisi dei costi della malattia materna associata con l’allattamento al seno non ottimale. Obstet Gynecol, 2013. 122 (1): 111-119.
  130. interventi di assistenza primaria per promuovere l’allattamento al seno: Stati Uniti preventiva dichiarazione raccomandazione Services Task Force. Ann Intern Med, 2008. 149 (8): 560-564.

Appendice 3: Formazione di studenti di medicina e medicina di famiglia residenti

Gli studenti di medicina

Negli anni preclinici, i corsi di anatomia, fisiologia e biochimica, tra gli altri, dovrebbero comprendere gli aspetti pertinenti alla lattazione. Questi includono l’anatomia di un seno durante l’allattamento e come questo si riferisce a latch-on del bambino, la fisiologia della produzione di latte e il latte riflesso di eiezione, e la biochimica del latte umano e le grandi differenze di sostituti artificiali. Aspetti della lattazione relativo a particolari discipline potrebbero essere integrati nel curriculum esistente. Ad esempio, i principi fondamentali del passaggio di farmaci nel latte materno potrebbero essere incorporati nel corso della farmacologia. Nel decorso clinico introduttivo, gli studenti dovrebbero essere istruiti su come prendere una storia di allattamento (se del caso) e come esaminare il seno in allattamento. Negli anni clinici, il paziente esperienza di cura in medicina di famiglia, ostetricia, pediatria e dovrebbe includere l’istruzione nella cura per le normali mamme che allattano e bambini e problemi di allattamento comuni.

Family Medicine Residency

Specifiche esperienze elettive in medicina l’allattamento al seno dovrebbero essere messi a disposizione per i residenti che vogliono l’istruzione più intensiva. 3 istruzione allattamento multidisciplinare si è dimostrato utile per stagisti attraverso cure primarie. 4 pratiche Residency dovrebbero modellare il supporto dei loro pazienti di allattamento al seno. sostegno specifico anche opportuno prevedere gli studenti di medicina e residenti (e gli altri membri del personale) che allattano. L’evidenza mostra che i medici tendono a basare i loro consigli al seno sulle loro esperienze personali. 5

Tutti i medici di famiglia dovrebbero essere addestrati a capire e la pratica secondo gli Stati Uniti Comitato allattamento al seno (USBC) competenze di base.

Competenze di base in allattamento al seno di cura e servizi per tutti gli operatori sanitari
A proposito di USBC
sfondo

Al fine di stabilire e mantenere l’allattamento al seno, le donne hanno bisogno di formazione e di sostegno da parte di una comunità di assistenza sanitaria competente. 9 Evidence-based conoscenze, abilità e attitudini mancano tra i professionisti della salute in molte discipline. 10 Il volume di nuove informazioni, i progressi nei trattamenti e tecnologie, e le sfide del sistema sanitario, in combinazione con la relativa scarsità di formazione professionale in lattazione umana e l’allattamento al seno, lasciare molti fornitori senza risposte soddisfacenti per i loro pazienti. 11, 12

Scopo

Queste competenze di base nella cura e servizi di allattamento al seno sono stati sviluppati per fornire agli operatori sanitari con una linea guida e il quadro di integrare le conoscenze evidence-based l’allattamento al seno, abilità, atteggiamenti e nelle loro pratiche di consegna di assistenza sanitaria standard. Il Comitato allattamento al seno Stati Uniti raccomanda che tutti gli operatori sanitari in possesso delle competenze chiave identificate nel presente documento al fine di integrare l’allattamento al seno cura efficace e responsabile nella pratica corrente e, quindi, fornire servizi efficaci e completi per le madri, i bambini e le famiglie.

realizzare il cambiamento
L’allattamento al seno competenze chiave

Competenza nelle seguenti aree rappresenta la minima conoscenza, abilità e attitudini necessarie per gli operatori sanitari di tutte le discipline per fornire assistenza ai pazienti che protegge, promuove e sostiene l’allattamento al seno. Come minimo, ogni professionista sanitario dovrebbe comprendere il ruolo della lattazione, il latte umano, e l’allattamento al seno in:

  • L’alimentazione ottimale di lattanti e dei bambini di 8, 19
  • Migliorare la salute e la riduzione:
  • morbilità a lungo termine in neonati e bambini piccoli 7, 19
  • morbidità nelle donne 19, 20

Tutti i professionisti della salute dovrebbero essere in grado di facilitare il processo di cura l’allattamento al seno da:

  • famiglie che si preparano per le aspettative realistiche
  • Comunicare le informazioni pertinenti al team di assistenza allattamento 21
  • In seguito con la famiglia, se del caso, in un modo culturalmente competente dopo l’allattamento al seno cure e dei servizi sono stati forniti 22
  • Comprendere e agire sulla importanza di proteggere, promuovere e sostenere l’allattamento al seno come una priorità di salute pubblica 7, 8, 20, 23, 24
  • Educare i praticanti a:
  • apprezzare i limiti della loro competenza cura l’allattamento al seno 21, 25
  • sapere quando e come fare un rinvio ad un operatore professionale allattamento 21, 25

Regolarmente esaminare le pratiche di cura dei loro operatori e stabilire competenze di base relative alla cura e servizi di allattamento al seno. 24, 26

Conoscenza

Tutti gli operatori sanitari dovrebbero capire il:

Abilità

Tutti i professionisti della salute dovrebbero essere in grado di:

2.1 pratica in modo tale da proteggere, promuove e supporta allattamento 7, 8, 20, 26
2.2 di raccogliere l’allattamento al seno storia informazioni sufficienti per identificare le madri e le famiglie che desiderano beneficiare di servizi specifici di supporto al seno 39
2.3 richiedere assistenza e fare riferimento ad opportuni specialisti di lattazione 26, 28
privacy 2.4 salvaguardia e la riservatezza 40
2.5 utilizzare in modo efficace le nuove tecnologie dell’informazione per ottenere informazioni aggiornate basate su prove circa l’allattamento al seno e l’allattamento umano 26, 41

atteggiamenti

Tutti i professionisti della salute dovrebbero:

3.1 valore di allattamento al seno come un importante strategia di promozione della salute e la prevenzione delle malattie 34, 42
3.2 riconoscere e rispettare prospettive filosofiche, culturali ed etici che influenzano l’uso e la fornitura di cure al seno e servizi 22, 26
3.3 rispettare il carattere riservato della prestazione di cure e servizi 40 l’allattamento al seno
3.4 riconoscere l’importanza di fornire assistenza al seno e servizi che sono privi di conflitti di interesse commerciale o pregiudizi personali 26, 27, 38
3,5 comprendere l’importanza della sartoria informazioni e servizi per la cultura, la conoscenza della famiglia, e il livello di lingua 22, 43
3.6 ricercare il coordinamento e la collaborazione con gruppi interdisciplinari di professionisti della salute 21
3.7 riconoscere i limiti della propria conoscenza lattazione e allattamento al seno esperienza 21
3.8 riconoscere quando i valori personali e pregiudizi possono influenzare o interferire con cura e servizi forniti alle famiglie 13 l’allattamento al seno
3.9 incoraggiare il sostegno sul posto di lavoro per l’allattamento 44
3.10 sostenere l’allattamento materno colleghi 45-47
politiche centrate sulla famiglia 3.11 di supporto a livello federale, statale, e locale 14

Tutti gli operatori sanitari non hanno bisogno di avere il livello di competenza atteso di quei praticanti che si preoccupano per le donne fertile, i neonati ei bambini piccoli. Gli operatori sanitari che si occupano di donne in età fertile, i neonati ei bambini piccoli possono essere ulteriormente divisi in due gruppi:

  1. Quelli che forniscono cure primarie sono gli operatori di prima linea che si occupano di donne in età fertile e / o neonati e bambini piccoli.
  2. Quelli che forniscono cure di secondo livello possono essere operatori front-line o professionisti con una maggiore conoscenza e le competenze specificamente riferibile per l’utilizzo del latte materno e l’allattamento al seno.

Quegli operatori sanitari che forniscono cure primarie e secondarie per fertile le donne, i bambini, ei bambini dovrebbero essere in grado di:

Inoltre, quegli operatori sanitari che forniscono cure secondarie o più diretto “hands-on” per le donne in età fertile, neonati e bambini piccoli dovrebbero anche essere in grado di:

5.1 aiutare a inizio precoce dell’allattamento al seno 54
5.2 valutare il seno durante l’allattamento 55
5.3 eseguire un’osservazione alimentazione infantile 41, 55
5.4 riconoscere i modelli di alimentazione infantile normali e anormali 55, 56
5.5 sviluppare e adeguatamente comunicare un piano di assistenza al seno 55, 56

Riferimenti

  1. American Academy of Pediatrics. L’allattamento al seno Curriculum. 21 Luglio 2014]; Disponibile da: http://www2.aap.org/breastfeeding/curriculum/ (www2.aap.org)
  2. Feldman-Inverno, L. et al. Residency curriculum migliora cura l’allattamento al seno. Pediatrics, 2010. 126 (2): 289-297.
  3. Obiettivi formativi e le competenze per il medico per quanto riguarda l’allattamento al seno. Allattare Med, 2011. 6 (2): 99-105.
  4. Ogburn, T. et al. Un curriculum l’allattamento al seno per i residenti e gli studenti di medicina: un approccio multidisciplinare. J Hum Lact, 2005. 21 (4): 458-464.
  5. Sattari, M. et al. comportamento allattamento personale di madri medico è associato con l’allattamento al seno il loro difesa clinica. Allattare Med, 2013. 8 (1): 31-37.
  6. Stati Uniti Dipartimento di Salute e Servizi Umani, chiamata del Surgeon General di azione per sostenere l’allattamento. 2011. http://www.surgeongeneral.gov/library/calls/breastfeeding/calltoactiontosupportbreastfeeding.pdf (www.surgeongeneral.gov)
  7. American Academy of Pediatrics, allattamento al seno e l’uso del latte umano. Pediatrics, 2012. 129 (3): e827-841.
  8. American Academy of Family Physicians. Famiglia Medici sostenere l’allattamento (un documento di sintesi). 2008 2 ottobre, 2010]; Disponibile da: http://www.aafp.org/about/policies/all/breastfeeding-support.html.
  9. Britton, C. et al. Il supporto per le madri che allattano. Cochrane Database Syst Rev 2007 (1): Cd001141.
  10. Grossman, X. et al. Ospedale Istruzione a pratiche allattamento (AIUTO Project): non educazione clinico influisce l’allattamento al seno iniziazione ed esclusività in ospedale? Nascita, 2009. 36 (1): 54-59.
  11. Philipp, B.L. et al. L’allattamento al seno informazioni nei libri di testo pediatrica ha bisogno di miglioramento. J Hum Lact, 2004. 20 (2): 206-210.
  12. Philipp, B.L. et al. L’allattamento al seno informazioni nei libri di testo di cura ha bisogno di miglioramento. J Hum Lact, 2007. 23 (4): 345-349.
  13. Spatz, D.L. e L.C. Pugh, l’integrazione dell’impiego di latte materno e l’allattamento al seno nei programmi baccalaureato infermieristico. Nurs Outlook, 2007. 55 (5): 257-263.
  14. Spatz, D.L. Il caso di studio l’allattamento al seno: un modello per educare gli studenti infermieri. J Nurs Educ, 2005. 44 (9): 432-434.
  15. Wellstart internazionale. Moduli di gestione Allattamento Self-Study, Livello I, 4 ° ed. 2013 Wellstart internazionale Shelburne, VT.
  16. Horta, B.L. e C.G. Victora, efects a lungo termine dell’allattamento al seno: una revisione sistematica. 2013. http://apps.who.int/iris/bitstream/10665/79198/1/9789241505307_eng.pdf (apps.who.int)
  17. Ip, S. et al. L’allattamento al seno e risultati di salute materna e infantile nei paesi sviluppati. Evid Rep Technol un voto (Rep Full), 2007 (153): 1-186.
  18. MCH Leadership competenze del gruppo di lavoro, ed. Salute materna e infantile Leadership competenze, versione 3.0. 2009 Stati Uniti Dipartimento di Salute e Servizi Umani, Heath Risorse Amministrazione, salute materna e infantile Bureau: Rockville, MD.
  19. Leviniene, G. et al. La valutazione delle conoscenze e delle attività dei principali operatori sanitari per promuovere l’allattamento al seno. Medicina (Kaunas), 2009. 45 (3): 238-247.
  20. Comitato ACOG parere n 361: L’allattamento al seno: aspetti materna e infantile. Obstet Gynecol, 2007. 109 (2 Pt 1): 479-480.
  21. Szucs, K.A. D.J. Miracolo, e M.B. conoscenza Rosenman, allattamento al seno, gli atteggiamenti e prassi dei fornitori in una casa medica. Allattare Med, 2009. 4 (1): 31-42.
  22. Noble, L.M. A. Noble, e I.L. A mano, la competenza culturale degli operatori sanitari che si occupano di mamme che allattano in aree urbane. Allattare Med, 2009. 4 (4): 221-224.
  23. Wallis, M. e M. Harper, protagonista madri che allattano in ospedale: Parte 1. Paediatr Nurs, 2007. 19 (7): 48-52.
  24. interventi di assistenza primaria per promuovere l’allattamento al seno: Stati Uniti preventiva dichiarazione raccomandazione Services Task Force. Ann Intern Med, 2008. 149 (8): 560-564.
  25. Shealy, K.R. et al. La Guida CDC al seno Interventi. 2005. http://www.cdc.gov/breastfeeding/resources/guide.htm (www.cdc.gov)
  26. Dykes, F. La formazione di operatori sanitari che sostengono le donne che allattano: tempo di riflessione critica. Matern Bambino Nutr, 2006 2 (4): 204-216.
  27. Organizzazione Mondiale della Sanità l’UNICEF, l’allattamento al seno Counseling: un corso di formazione. 1993. http://www.who.int/maternal_child_adolescent/documents/who_cdr_93_3/en/ (www.who.int)
  28. Taveras, E.M. et al. Le opinioni e le pratiche di medici associati alla prosecuzione dell’allattamento al seno esclusivo. Pediatrics, 2004. 113 (4): e283-290.
  29. DiGirolamo, A.M. L.M. Grummer-Strawn, e S.B. Fein, Effetto delle pratiche di maternità di cura su allattamento al seno. Pediatrics, 2008. 122 Suppl 2: S43-49.
  30. Hannula, L. M. Kaunonen, e M.T. Tarkka, Una revisione sistematica di interventi di supporto professionale per l’allattamento. J Clin Nurs, 2008. 17 (9): 1132-1143.
  31. Pak-Gorstein, S. A. Haq, e E.A. Graham, influenze culturali sulle pratiche di alimentazione infantile. Pediatr Rev, 2009. 30 (3): e11-21.
  32. McNiel, M.E. M.H. Labbok, e S.W. Abrahams, Quali sono i rischi connessi con l’alimentazione artificiale? Una nuova analisi e revisione. Allattare Rev, 2010. 18 (2): 25-32.
  33. Gagnon, A.J. et al. In ospedale formula supplementazione dei neonati al seno sani. J Hum Lact, 2005. 21 (4): 397-405.
  34. Spatz, D.L. Dieci passi per promuovere e proteggere l’allattamento al seno per i neonati vulnerabili. J Perinat neonatali Nurs, 2004. 18 (4): 385-396.
  35. Lawrence, R.M. e R.A. Lawrence, visti i benefici dell’allattamento al seno, che cosa esistono controindicazioni? Pediatr Clin North Am, 2001. 48 (1): 235-251.
  36. Guise, J.M. et al. L’efficacia degli interventi di assistenza a base primaria per promuovere l’allattamento al seno: revisione sistematica prove e meta-analisi per la US Preventive Services Task Force. Ann Fam Med, 2003. 1 (2): 70-78.
  37. Organizzazione Mondiale della Sanità, Codice internazionale sulla commercializzazione dei sostituti del latte materno. 1981. http://www.who.int/nutrition/publications/infantfeeding/9241541601/en/ (www.who.int)
  38. Howard, F.M. C.R. Howard, e M. Weitzman, il medico come inserzionista: l’abbattimento non intenzionale di allattamento al seno. Obstet Gynecol, 1993. 81 (6): 1048-1051.
  39. Perez-Escamilla, R. promozione allattamento Evidence based: l’Iniziativa Ospedali Amici dei Bambini. J Nutr, 2007. 137 (2): 484-487.
  40. Thomas, J.R. e U. Shaikh, la comunicazione elettronica con i pazienti per l’allattamento al seno supporto. J Hum Lact, 2007. 23 (3): 275-279.
  41. Hoddinott, P. D. Tappin, e C. Wright, allattamento al seno. BMJ, 2008. 336 (7649): 881-887.
  42. Stuebe, A.M. e E.B. Schwarz, i rischi ed i benefici delle pratiche di alimentazione infantile per le donne ei loro bambini. J Perinatol, 2010. 30 (3): 155-162.
  43. Grassley, J.S. e T.P. Nelms, La conversazione allattamento al seno: un’esplorazione filosofica di sostegno. ANS Adv Nurs Sci, 2008. 31 (4): E55-66.
  44. Angeletti, le madri che allattano M.A. che tornano al lavoro: possibilità di informazione, orientamento e supporto preventiva da US operatori sanitari. J Hum Lact, 2009. 25 (2): 226-232.
  45. Johnston, M.L. e N. Esposito, barriere e facilitatori per l’allattamento al seno tra le donne che lavorano negli Stati Uniti. J Obstet Gynecol neonatali Nurs, 2007. 36 (1): 9-20.
  46. Kačmár, J.E. et al. pratiche di allattamento al seno di medici residenti nel Rhode Island. Med Salute R I, 2006. 89 (7): 230-231.
  47. Sattari, M. et al. L’allattamento al seno intenzioni dei medici di sesso femminile. Allattare Med, 2010. 5 (6): 297-302.
  48. Organizzazione Mondiale della Sanità l’UNICEF, Protezione, promuovere e sostenere l’allattamento al seno: il ruolo particolare dei servizi di maternità. 1989. http://www.who.int/nutrition/publications/infantfeeding/9241561300/en/ (www.who.int)
  49. Mulder, P.J. e T.S. Johnson, The Beginning allattamento al seno Sondaggio: la percezione di allattamento efficacia durante il ricovero post-partum madri di misura. Res Nurs Salute, 2010. 33 (4): 329-344.
  50. Walker, M. Allattamento: buone partenze, buoni risultati. J Perinat neonatale Nurs, 2007. 21 (3): 191-197; quiz 198-199.
  51. do Nascimento, M.B. e H. Issler, allattamento al seno il neonato prematuro: l’esperienza di un ospedale baby-friendly in Brasile. J Hum Lact, 2005. 21 (1): 47-52.
  52. Shaikh, U. e C.M. Smillie, Medico-led ambulatori di medicina l’allattamento al seno negli Stati Uniti. Allattare Med, 2008. 3 (1): 28-33.
  53. Walker, problemi comuni allattamento al seno M. conquistatore. J Perinat neonatali Nurs, 2008. 22 (4): 267-274.
  54. Dyson, L. F. McCormick, e M.J. Renfrew, Interventi per promuovere l’inizio dell’allattamento al seno. Cochrane Database Syst Rev 2005 (2): Cd001688.
  55. Riordan, J. e K. Wamback, eds. L’allattamento al seno ed allattamento umana. 4a ed. 2010 Jones e Bartlett Publishers, LLC: Sudbury, MA.
  56. Philipp, B.L. ABM protocollo clinico # 7: modello di politica allattamento al seno (Revisione 2010). Allattare Med, 2010. 5 (4): 173-177.

Appendice 4: Linee guida AAFP correlati al seno

Dichiarazione sulla politica AAFP su allattamento al seno Alloggi per i tirocinanti

Related posts

  • L’allattamento al seno vs, migliore degustazione formula per bambini allattati al seno.

    Welcome to Children Hospital Chi siamo Leggete le informazioni sulla storia e la nostra missione. Come trovarci ottenere le indicazioni per il nostro ospedale. Le nostre specialità conoscere la nostra subspecialties pediatrici ….

  • L’allattamento al seno è la cosa migliore, migliore latte per neonati.

    KEY latte PUNTI materno è il miglior alimento per il bambino durante il primo anno di vita. Aiuta il tuo bambino a crescere sano e forte. L’allattamento al seno aiuta a proteggere il bambino da molte malattie ….

  • L’allattamento al seno migliore scommessa per bambini, formula migliore per i bambini con la diarrea.

    L’allattamento al seno migliore scommessa per bambini di Rebecca D. Williams I nuovi genitori vogliono dare i loro bambini il meglio. Quando si tratta di nutrizione, il miglior primo alimenti per neonati è il latte materno. Di Più…

  • Benefici dell’allattamento al seno latte per il vostro bambino pretermine (prematuri), il latte per neonati.

    Vantaggi del latte materno per neonati pretermine (prematuri) negli ultimi 3 mesi di gravidanza, grandi molecole proteiche chiamati immunoglobuline attraversano la placenta e sono memorizzati nella crescita …

  • L’allattamento al seno e alimentazione complementare, diarrea infantile.

    L’allattamento al seno e alimentazione complementare Cosa e come si alimentano i bambini è criticamente I bambini hanno bisogno di importanti i cibi giusti al momento giusto per crescere e svilupparsi per il loro pieno potenziale. Più…

  • guerre allattamento al seno è del seno davvero il migliore, migliore formula come il latte materno.

    Quando Jodee Lofthouses figlia, Charlotte, è nato poco meno di un anno fa, era floppy e non risponde e si precipitò dritto a speciali cure. Questo non è stato il modo Jodee aveva immaginato all’inizio …

Related posts