Ricerca Alcol – Salute, Volume 33, Numero 4, la terapia per la dipendenza da alcol.

Ricerca Alcol - Salute, Volume 33, Numero 4, la terapia per la dipendenza da alcol.

ricerca alcol & Salute, Volume 33, Numero Numero 4

Katie Witkiewitz, Ph.D. e G. Alan Marlatt, Ph.D.

KATIE WITKIEWITZ, Ph.D. è un professore assistente presso il Dipartimento di Psicologia presso la Washington State University, Vancouver, Canada.

G. ALAN Marlatt, Ph.D. è un professore del Dipartimento di Psicologia presso l’Università di Washington, Seattle, Washington.

Numerose terapie comportamentali efficaci sono stati sviluppati che possono portare il trattamento al paziente piuttosto che portare il paziente al trattamento. Queste tecniche di terapia comportamentale, che possono fornire un trattamento efficace per tutta la gamma di gravità dei disturbi alcol, includono facilitato auto-cambiamento, terapie individuali, coppie e gli approcci di famiglia, e la gestione di contingenza. Nuovi metodi di consegna e di successo aggiunte ai trattamenti comportamentali esistenti anche sono state introdotte, tra cui cognitivo computerizzato–trattamenti comportamentali, con approccio self-cambiamento basato sul Web, e approcci mindfulness-based. Sebbene una varietà di approcci comportamentali hanno dimostrato di avere una buona efficacia, la scelta del trattamento più appropriato per un dato paziente rimane una sfida.

PAROLE CHIAVE: disturbi da uso di alcol (AUDs); alcol e altre droghe (Aodu) metodo di trattamento; terapia comportamentale; terapia individuale; facilitato auto-cambiamento; famiglia o coppie di terapia; gestione di emergenza; conoscitivo–terapia comportamentale; efficacia

Dalla metà degli anni 1980 e 1990, il trattamento comportamentale di abuso di alcool e la dipendenza (cioè disturbi da uso di alcol [AUDs]) ha avanzato costantemente. Questo articolo introduce diversi tipi di trattamento comportamentale, riassume l’evidenza per la loro efficacia, e descrive i metodi alternativi di consegna e aggiunte ai trattamenti esistenti che potrebbero fare appello ad alcuni pazienti. Inoltre, l’articolo discute l’importanza di andare oltre un focus sul confronto l’efficacia dei trattamenti comportamentali attivi esistenti e verso un programma di ricerca che ritiene più minuziosamente come le persone cambiano nonché i meccanismi di cambiamento nel corso di trattamenti comportamentali.

Approcci trattamento comportamentale

Panoramica concettuale

Tabella: Panoramica dei comportamentali terapie

No empiricamente supportato manuali disponibili.

Contingenza approcci di gestione. approcci di gestione di emergenza si basano più esclusivamente sui principi di condizionamento operante—cioè, usano il rafforzamento e punire conseguenze per mantenere il cambiamento di comportamento positivo. approcci di gestione di contingenza, che spesso vengono utilizzati in aggiunta ad un altro trattamento, la quota di tre componenti centrali:

  • Monitorare l’individuo con attenzione (ad esempio mediante test delle urine o del sangue), in modo che l’uso di alcol è identificato;
  • Fornire ricompense materiali (come ad esempio i buoni che possono essere scambiati per i beni al dettaglio o contanti) per un comportamento desiderato (ad esempio l’astinenza da alcol); e
  • ricompense Ritenute (ad esempio voucher) o di esecuzione altre conseguenze negative (ad esempio, fornendo report negativi interessati altri soggetti, come i membri della famiglia o funzionari libertà vigilata), quando viene identificato l’uso di alcol.

1 Così, disulfiram non è tecnicamente un trattamento farmacologico per la dipendenza da alcol perché ha solo proprietà di condizionamento avversi e non influenza direttamente il consumo di alcol. Al contrario, i farmaci più recenti su dipendenza da alcol, tra cui il naltrexone e acamprosate, hanno molto diversi meccanismi di azione e può ridurre il consumo di alcol, con o senza trattamento comportamentale concomitante (combinare lo studio Research Group 2006).

L’efficacia di trattamenti comportamentali

Diversi recensioni e meta-analisi della letteratura di ricerca hanno stabilito che i trattamenti comportamentali—compresi breve intervento, terapia di coppia e familiare, terapia di coppia comportamentale, prevenzione delle ricadute, e altri cognitivo– trattamenti comportamentali così come rinforzo comunità e gli approcci di gestione di emergenza—sono tra i trattamenti più efficaci per AUDs (vedi Finney e Monahan 1996; Miller e Wilbourne 2002). In particolare, i risultati dello studio inclusi i seguenti:

  • Recente meta-analisi di cognitiva– trattamenti comportamentali (Magill e Ray 2009) e approcci di gestione di contingenza (Prendergast et al. 2006) hanno concluso che dimensioni dell’effetto sia per gamma approccio terapeutico da piccole a medie, a seconda del gruppo di confronto (ad esempio, i gruppi di trattamento o di controllo attivo), la definizione di esito (ad esempio, l’astinenza o problemi di alcol ridotto), e il tempo di follow-up (ad esempio, 6 contro 12 mesi dopo il trattamento).
  • Una meta-analisi di coppie comportamentali, civile, e terapia della famiglia (Powers et al. 2008) ha rilevato che per i pazienti sposati o conviventi, questi approcci hanno prodotto medio-grandi effetti e risultati migliori rispetto ai trattamenti individuali-based.
  • Una meta-analisi di 17 studi che valutano la formazione di auto-controllo del comportamento (BSCT) ha indicato che questo approccio ha prodotto moderatamente forti effetti rispetto a nessun intervento e gli effetti più piccoli rispetto ai trattamenti di confronto orientati all’astinenza (Walters et al. 2000).
Gli adattamenti di trattamenti comportamentali esistenti

Capire come le persone cambiano

  • Supporto sociale;
  • Struttura e obiettivo direzione;
  • Fornitura di premi e gratificante attività;
  • modelli normativi per l’astinenza di successo;
  • Aumento di auto-efficacia; e
  • L’insegnamento di capacità di coping.

Un focus su tali processi di trattamento empiricamente supportati, piuttosto che su diverse modalità di trattamento, potrebbe fornire l’occasione per un trattamento più generale di AUDs che è collegato in modo esplicito ai processi di base che istigano e mantengono modelli di consumo problematici.

3 La combinare lo studio era un trial clinico randomizzato multisito progettato per testare l’efficacia di una terapia farmacologica con o senza intervento comportamentale combinata nel trattamento della dipendenza da alcol.

Conclusioni

Mentre gli studi esaminati qui indicano, una vasta gamma di trattamenti comportamentali per AUDs produrre significative riduzioni uso di alcol e di problemi alcol-correlati. Le persone che cercano di ridurre il loro consumo di alcol o smettere di bere ora sono presentati con una pletora di opzioni e opportunità per cambiare il loro comportamento potabile senza bisogno di check-in per un ricoverato hospitalization di 28 giorni, alle riunioni degli Alcolisti Anonimi su base giornaliera, o commettono
ad un obiettivo astinenza. Gli approcci comportamentali descritti in questo articolo quota di molti processi di trattamento e sono generalmente basati sulle stesse teorie sottostanti di comportamento. Pertanto, le indagini si concentrano sulla selezione di quei processi di trattamento, impostazioni e modalità di consegna che la maggior parte soddisfare le esigenze specifiche di un dato paziente sono una zona fruttuosa di indagine futura.

Informativa finanziaria

Gli autori dichiarano di non avere interessi finanziari concorrenti.

Riferimenti

Bowen, S.W .; Chawla, N .; E Marlatt, G. Mindfulness-Based Relapse Prevention. New York: Guilford Press, in corso di stampa.

DIMEFF, L.A .; BAER, J.S .; KIVLAHAN, D.R .; E Marlatt, G.A. Screening Breve Alcol e di intervento per gli studenti universitari: un approccio di riduzione del danno. New York: Guilford Press, 1999.

McCrady, B.S. E Epstein, e.e. direzioni di ricerca sulle relazioni alcoliche: Marital- e singoli modelli basati su di eterogeneità. Psicologia del comportamento di dipendenza 9: 157–166, 1995.

MILLER, W.R. E MUNOZ, R.F. Come controllare il bere (Revised Edition). Albuquerque, NM: University of New Mexico Press, 1982.

Rimmele, C.T .; HOWARD, M.O .; E HILFRINK, M.L. terapie avversione. In: Hester, R.K. e Miller, W.R. Eds. Manuale di trattamento dell’alcolismo Approcci (2nd Ed.). New York: Pergamon Press, 1995.

Sobell, M.B. E Sobell, L.C. Bevitori problematici guidate trattamento di auto-Change. New York: Guilford Press, 1993.

Related posts

Related posts